Ucraina, Netflix si rifiuta di trasmettere i canali statali russi

Condividi

Netflix ha annunciato che non aggiungerà programmi di propaganda russa alla sua piattaforma nel territorio.
In base a una legge che sarebbe entrata in vigore oggi, la piattaforma in streaming sarebbe stata obbligata a trasmettere contenuti da Channel One, dalla rete di intrattenimento NTV e da un canale della Chiesa ortodossa russa.
“Data la situazione attuale, non abbiamo in programma di aggiungere questi canali al nostro servizio”, si legge in una nota, ripresa da Cnn.

La legge, che si sarebbe applicata a Netflix richiede che le piattaforme multimediali che raggiungono più di 100mila abbonati in Russia trasmettano canali televisivi russi in chiaro e di intrattenimento. Uno dei canali è Channel One, che ha “stretti legami con il Cremlino”.