Margarita Simonyan (Foto Ansa)

Russia, alla radio di stato Sputnik le frequenze di Ekho Moskvy

Condividi

L’emittente chiusa per censura sosstituita da uno dei media filo Cremlino bloccati in Europa

La radio di stato russa Sputnik otterrà le frequenze di Ekho Moskvy, la radio liberale che è stata chiusa la settimana scorsa per aver “deliberatamente diffuso notizie false sulle azioni del personale militare”. Lo riporta AdnKronos.
A segnalarlo via Telegram Margarita Simonyan (nella foto Ansa), direttore di Rt: “l’ingiustizia storica che la stazione radio più quotata di Mosca ancora non aveva una frequenza Fm è stata sanata”, avrebbe detto Symonyan, parlando di “passo logico”.

Testate chiuse e giornalisti lontani dal paese

Ekho Moskvy è una delle 10 testate indipendenti chiuse in Russia da quando è stato vietato parlare dell’invasione dell’Ucraina. La sua sostituzione con Sputnik sulle stesse frequenze, che avverrà a partire dal 9 marzo in cinque città, comprese Mosca e San Pietroburgo, appare come uno sfregio simbolico, a sottolineare ulteriormente come non sia più possibile l’informazione indipendente.
Ma non c’è solo la chiusura delle voci indipendenti. Secondo quanto riportato dal sito Adentsvo, almeno 150 giornalisti di testate russe e di edizioni russe di media internazionali hanno lasciato il paese, fra cui diversi giornalisti di Ekho Moskvy.