Danilo Jervolino (Foto LaPresse)

I piani di BFC per la nuova Espresso Media

Condividi

I progetti di sviluppo di Iervolino e Masetti che confermano tutto l’organico del settimanale

Avrà una nuova sede a Milano la redazione dell’Espresso secondo i progetti del nuovo editore Bfc, che ha formalizzato l’offerta di acquisto a Gedi. La casa editrice di cui Denis Masetti ha venduto la maggioranza ad Danilo Iervolino, continuando però a esserne il gestore (Iervolino ha grandi ambizioni come editore ma non essendo un esperto vuole approfondire bene il business prima dì prenderne la responsabilità operativa) avrà sede in via Melchiorre Gioia all’ultimo piano dì un palazzo palazzo prospiciente il quartiere Gae Aulenti.

Secondo Bfc la redazione milanese dell’Espresso avrà molta rilevanza e sarà numerosa. Ancora da decidere dove troverà sede la redazione romana. Bfc oltre all’informazione politica vuole sviluppare la parte legata alla cultura, all’economia legata all’innovazione.

Gli accordi con Gedi per il passaggio di proprietà dello storico settimanale prevedono che tutto l’organico passerà a Bfc, che ha un progetto molto articolato per il nuovo Espresso Media (il nuovo brand) che significa una piattaforma che oltre al settimanale su carta con una potente presenza online, prevede una radio, contenuti video, podcast ed eventi. Insomma la formula dell’editoria moderna che terrà conto della diffusa competenza tecnologica che ha Jervolino.

L’Espresso continuerà ad uscire alla domenica insieme a La Repubblica, la pubblicità, finora un ricavo residuale, dovrebbe essere gestita dalla dinamica organizzazione interna a Bfc.