Daniele Macheda, segretario usigRai (Foto ANSA/USIGRAI)

Rai: freelance, sicurezza, assenza da Mosca. 10 domande Usigrai su crisi Russia-Ucraina

Condividi

Con un elenco di dieci quesiti, l’Usigrai chiama in causa i vertici Rai sulle modalità con cui vengono gestiti i corrispondenti dalle aree di crisi, tra Russia e Ucraina.

“Dopo aver detto che la Rai sta facendo un grande lavoro per informare sul conflitto”, scrive il sindacato, “UsigRai ha chiesto all’azienda chiarimenti su alcune scelte nella copertura delle notizie dalle aree di crisi; scelte di cui non si comprendono le ragioni. “e risposte non sono mai arrivate e allora le nostre 10 domande all’azienda, questa volta le poniamo pubblicamente”.
Queste le 10 domande:

  • Continua nei programmi di rete e nei telegiornali Rai il ricorso ai freelance dalle zone di conflitto. Cosa sta succedendo?
  • La Rai ha forse ritirato le inviate e gli inviati dall’Ucraina ?
  • Se non lo ha fatto, perché ricorre a risorse esterne?
  • E quando si serve dei freelance li paga adeguatamente?
  • La Rai si è accertata del fatto che freeelance e collaboratori chiamati in onda sui canali del Servizio pubblico operino con tutti gli strumenti necessari a garantire la loro sicurezza personale?
  • E con i dipendenti, la Rai ha adottato tutte le misure previste dalle regole aziendali per i lavoratori all’estero in aree critiche e curato la necessaria formazione?
  • Perché l’azienda non ha ancora risposto al sindacato che ha chiesto di sapere se tutti i dipendenti inviati nelle aree di conflitto avessero ricevuto prima di partire i sistemi di protezione personale e il supporto logistico?
  • Perche la Rai non riprende le corrispondenze da Mosca, dopo che i media internazionali ed italiani sono tornati a trasmettere dalla capitale della Federazione Russa?
  • Perché la Rai non risponde pubblicamente sulle ragioni delle proprie scelte sull’informazione da Mosca?
  • Cosa deve ancora accadere perché i vertici della Rai capiscano che sono alla guida di un’azienda di servizio pubblico e devono spiegare le ragioni del proprio operato?