Dario Franceschini con la presidente della giuria Silvia Calandrelli (foto Ansa)

Pesaro è la Capitale italiana della cultura per il 2024

Condividi

Pesaro sarà la Capitale italiana della cultura 2024. Ad annunciarlo oggi il ministro della cultura Dario Franceschini.
La città marchigiana ha superato la concorrenza di altre nove finaliste: Ascoli Piceno, Chioggia (VE), Grosseto, Mesagne (BR), Pesaro, Sestri Levante con il Tigullio (GE), Siracusa, Unione dei Comuni Paestum-Alto Cilento (SA), Viareggio (LU) e Vicenza.

Le motivazioni della scelta

“La città offre al Paese una eccellente candidatura basata su un progetto culturale che, valorizzando un territorio già straordinariamente ricco di testimonianze storiche e preziosità paesaggistico-ambientali, propone azioni concrete attraverso le quali favorire anche l’integrazione, l’innovazione, lo sviluppo socio-economico”, si legge nella motivazione che ha portato alla proclamazione di Pesaro, stilata dalla giuria presieduta da Silvia Calandrelli.


“In questa prospettiva, si legge ancora, la proposta conferisce il giusto equilibrio a natura, cultura e tecnologia, tre elementi che si fondono in un contesto di azione condivisa tra pubblico e privato. L’enfasi data al valore della cittadinanza come riconoscimento e come pratica attraverso concreti esercizi, oggi più che mai, afferma una direzione che può generare contributi per altre esperienze future. Lo sforzo di coinvolgimento delle giovani generazioni in un programma impegnativo appare particolarmente interessante alla luce delle sfide che l’incertezza dei tempi propone. La valorizzazione del rapporto tra città e territorio con un programma esteso in modo articolato a tutti i comuni della provincia integra voci rendendo corale il conseguimento del titolo di Capitale della cultura