Carlo Bartoli

Ordine dei giornalisti: inaccettabile che si spari consapevolmente sugli inviati

Condividi

“Stimo inoltrando una richiesta la Farnesina, allo scopo di sollecitare un intervento con i governi interessati affinché sia salvaguardata la condizione dei giornalisti inviati sul campo di guerra e perché i colleghi non siano più oggetto di aggressioni”. Ad annunciarlo all’Adnkronos è il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti Carlo Bartoli, che interviene così sulle notizie riguardanti gli inviati in Ucraina rimasti vittime di attentati da parte delle milizie sul campo.

“In guerra il rischio è sempre alto per i colleghi inviati sul teatro di guerra, ma in questa proporzione e questa misura credo sia la prima volta che accade -scandisce Bartoli- Questo è un fatto inquietante che dimostra un cambiamento nelle strategie, ovvero si spara consapevolmente sui giornalisti. I giornalisti sono diventati un obiettivo, e questo non è più immaginabile né accettabile”.

“Voglio ricordare anche la scomparsa, otto anni fa, del giovane fotoreporter Andy Rocchelli (ucciso il 24 maggio 2014 durante la guerra in Donbass, ndr) -ricorda il presidente dell’Odg- Lui era stato ucciso dall’esercito ucraino, ma questo non fa alcuna differenza, la morte è morte”. Come Ordine dei Giornalisti, “noi raccomandiamo attenzione e prudenza. Sono colleghi di grande esperienza, e si segnalano molto bene, ma faccio un appello alla prudenza e alla cautela, a rendersi sempre riconoscibili e a considerare il fatto che si può diventare obiettivo sensibile. Raddoppiare, triplicare e decuplicare la prudenza”, conclude Bartoli.