Anonymous (cco pixabay)

Anonymous hackera VKontakte. Sul social russo i numeri delle vittime di guerra

Condividi

Sulla versione russa di Facebook, il gruppo hacker aggira la censura con messaggi sulla guerra in Ucraina

Dopo le tv di stato e le stampanti governative, Anonymous ha preso di mira il social network VKontakte, considerato il Facebook della Russia. Il gruppo hacker ha inviato agli utenti messaggi automatici contenenti informazioni su ciò che sta accadendo in Ucraina, compreso il numero di morti tra civili e militari, sia dell’esercito di Kiev che di quello di Mosca.

“L’esercito russo ha distrutto molte città pacifiche e infrastrutture civili. Decine di migliaia di persone sono rimaste feriti e più di 5.000, di cui 100 bambini, sono morte” si legge in parte del messaggio.
“Nessuno dei compiti stabiliti dall’esercito russo è stato adempiuto”, si legge ancora. “Centinaia di unità di equipaggiamento sono state distrutte, decine di migliaia di soldati sono stati feriti, 560 sono stati fatti prigionieri e più di 11 mila sono morti in Ucraina”.

L’account ufficiale Anonymous Operations su Twitter ha confermato la notizia, ripresa anche dal sito TechCrunch, pubblicando altri messaggi inviati agli iscritti di VKontakte, che a fine ottobre 2021 contava quasi 409 milioni di utenti secondo le rilevazioni di Statista.
Stando al portale nazionale Kyiv Independent, Anonymous avrebbe violato anche i profili degli utenti di VKontakte, anticipando che tutti i sostenitori di Putin verranno individuati e “puniti”.