L’informazione in guerra, vista dalla Generazione Zeta

Condividi

‘Putin, la guerra e l’informazione’. Si intitola così il primo dei 14 episodi della serie podcast ‘ZETAverso, Vent’anni & sentirli’. In questo primo appuntamento parla Nicolai Lilin, lo scrittore di origini siberiane autore del libro ‘L’educazione siberiana’, da cui Gabriele Salvatores trasse un film.

Verità, dalla A alla Zeta

Si chiamano Milo, Pablo, Billo, Salio, Pecio e Simo. Sono i sei ventenni che hanno ideato i podcast, online su Storielibere. Gli autori sono amici, nati nello stesso quartiere milanese. Insieme, hanno deciso di dar voce alla Generazione Z.
In ogni puntata un paio di loro intervista professori universitari, influencer, musicisti, comici, medici. Senza vincoli generazionali o ideologici: semplicemente, per capire il mondo che li (ci) circonda.
Perché, sono convinti i sei, il mondo in cui viviamo prende direzioni pericolose e quindi è importante raccontarlo attraverso le diverse interpretazioni e punti di vista: soltanto dal confronto di prospettive possiamo trarre un quadro completo degli eventi e avvicinarci alla verità.

La guerra dei media

Protagonista del primo episodio, la guerra e la figura di Putin. Ma soprattutto il modo in cui queste vengono raccontate sui nostri media che – sostengono gli autori – più che a informare sono orientati a convincere.
I podcast sono accompagnati dal tema musicale originale di Andrea Caldieri