Liz Truss (Foto Ansa)

Ucraina, Londra sanziona i media russi: guerra basata su bugie

Condividi

Il governo britannico ha varato una nuova serie di sanzioni contro la Russia. Nel mirino di Londra le società che gestiscono i media collegati al Cremlino, come TV Novosti, ente che controlla il canale RT, vietato in Ue e nel Regno Unito, Rossia Segodnia, che controlla l’agenzia di stampa Sputnik.
Nella lista anche manager e dipendenti della tv come Alexey Nikolov, direttore generale di Rt, o Sergei Brilev, un ‘volto noto’ di Rossiya Television e Radio network, o il direttore di Sputnik Anton Anisimov.

“La guerra di Putin all’Ucraina è basata su un torrente di bugie”, ha affermato il ministro degli esteri Liz Truss (nella foto, Ansa). “Quest’ultima serie di sanzioni colpisce i portavoce gli spudorati portavoce della propaganda che amplificano le fake news di Putin”.

Mosca a più volte definito RT, cui Ofcom ha revocata la licenza di trasmissione nel Regno Unito, un modo per competere con il dominio dei media americani e inglesi che secondo i russi offrirebbero una visione parziale del mondo.