john elkann

Exor, Elkann scrive agli azionisti: lusso, tech e salute al centro

Condividi

Nella lettera sull’andamento della holding di famiglia, Elkann traccia la strada per il futuro. Senza dimenticare la passione per lo sport

Come ogni anno, John Elkann ha scritto una lunga lettera agli azionisti di Exor. Nuovi indirizzi e strategie, ma anche i numeri registrati e un focus sulle attività che compongono l’universo della holding di famiglia, di cui è amministratore delegato.

Exor ha acceresciuto il suo valore quasi del 30% nel 2021

“Nel 2021 il Net Asset Value per share (Valore Netto degli Attivi per azione) di Exor è cresciuto del 29,7% sovraperformando di 0,4 punti percentuali il nostro benchmark, l’indice Msci World in euro”, ha esordito. La performance, ha spiegato, è stata determinata soprattutto dalla crescita sottostante del valore delle nostre società quotate. Dettagliano: nel 2021 CNH Industrial è cresciuta del 66,3%, Stellantis del 41,1% e Ferrari del 20,6%. “In aggiunta, abbiamo tratto vantaggio da un adeguamento della valutazione di Partner Re (+13,1% in dollari, + 20,6% in euro) ora allineata al prezzo di vendita concordato”.

I tre nuovi indirizzi

Lusso, tecnologie e salute sono gli obiettivi individuati per i nuovi investimenti. “Al momento guardiamo particolarmente ad alcuni settori e temi dove intendiamo, sia far leva sulla nostra esperienza, come il lusso, sia accrescere la nostra conoscenza come nel settore della salute e della tecnologia”.
Elkann ha ricordato anche il programma ‘Italy seeds‘ appena annunciato “Siamo orgogliosi di aver lanciato un programma di investimenti seed dedicato all’Italia, per sostenere gli imprenditori più promettenti che stanno costruendo la nuova generazione di grandi Società. Dunque, con l’ottimismo con cui ogni nuova impresa viene fondata, invito qualsiasi imprenditore o leader che stia lavorando per realizzare un grande sogno e che cerchi aiuto per realizzarlo, a mettersi in contatto con noi”.

Passione sport, con Juventus e Ferrari

Un lungo passaggio è dedicato anche allo sport, con la Juventus e la Ferrari. Parlando del club bianconero, Elkann ha scritto: “Sul campo, il titolo della Serie A è sfuggito alla nostra squadra maschile, ma quella femminile ha continuato il proprio dominio nazionale con il quarto scudetto consecutivo. Gli uomini sono riusciti comunque a conquistare a gennaio la Supercoppa Italiana prima di vincere la Coppa Italia a maggio”.

La pandemia e l’assenza dei tifosi

“Come per il resto dello sport e del settore dell’intrattenimento, la pandemia ha impedito ai tifosi di vedere le loro squadre in azione. Nel 2021, la Juventus ha visto il 50% delle sue partite all’Allianz Stadium giocarsi a porte chiuse, mentre le restanti sono state condizionate da regole che hanno imposto una presenza ridotta, da 1.000 spettatori al 50% della capienza”.

Andrea Agnelli (Foto ANSA / ROBERTO BREGANI)

“Questo ha privato i giocatori di quell’energia che arriva dai tifosi, qualcosa che l’ex giocatore e poi presidente bianconero Giampiero Boniperti, che purtroppo ci ha lasciato nel 2021, conosceva bene, quando diceva ‘non c’è più bel regalo dell’amore dei tifosi'”.

Le debolezze del sistema e i cambi in Cda

“Le difficoltà hanno evidenziato la debolezza strutturale del calcio, in Italia e in Europa. Andrea Agnelli, il presidente della Juventus, ha sostenuto le ragioni per una riforma strutturale e della governance del settore, con l’obiettivo di renderlo più equo e sostenibile per tutti coloro che amano questo sport”.

“Come abbiamo imparato, quando mancano i risultati, il cambiamento si rende necessario, ed è per questo che abbiamo nominato un nuovo consiglio di amministrazione e i nuovi ad, direttore sportivo, allenatore e giocatori – aggiunge Elkann -. Abbiamo garantito alla società tempo e risorse sufficienti per tornare ai massimi vertici, sul campo e fuori: il più grande desiderio di tutti i suoi appassionati tifosi e azionisti”.

Leclerch e Sainz il meglio per Ferrari

Con davanti il buon avvio di stagione delle Rosse di maranello, Elkann ha definito i due piloti Charles Leclerc e Carlos Sainz la migliore coppia “sulla griglia di partenza”.
Elkann, che di Ferrari è presidente, ha guardato anche agli altri campionati cui partecipa la scuderia. “La stagione Gt della Ferrari è stata la migliore della sua storia, grazie ai titoli mondiali Piloti e Costruttori nel Campionato Fia World Endurance e con la vittoria alla 24 ore di Le Mans”.

Exor-Letter-to-Shareholders_2021