Truth, il social di Trump, perde pezzi: due manager lasciano il progetto

Condividi

Truth, il social di Trump, perde qualche pezzo. Dopo il lancio dell’app a febbraio, il perdurare dei problemi di iscrizione segnalati da molti utenti hanno portato Josh Adams e Billy Boozer, due tra i top manager coinvolti nello sviluppo del progetto a fare un passo indietro.
Non è chiaro, racconta Reuters, se i due si siano dimessi o abbiano assunto altri ruoli all’interno della società che, nella sua gerarchia risulta ancora essere abbastanza un mistero.

A un mese e mezzo dal debutto ufficiale, al momento Trump Media & Technology Group, la società proprietaria del social ha già fallito il primo obiettivo di essere pienamente operativa in tutto il paese a partire da marzo. In più l’app è solo per iPhone, tagliano fuori di fatto il 40% del mercato americano che utilizza Android.

Ora, le due uscite rendono ancora più complicato e traballante il progetto di mettersi realmente in competizione con i big social