Gruppo Datrix ottiene finanziamento per il progetto “CONclSE”

Condividi

Da inizio 2022 progetti di ricerca per oltre 1,1 milioni di euro.

3rdPlace, tech company del Gruppo Datrix focalizzata sulla costruzione di modelli di Intelligenza Artificiale, ha ottenuto il finanziamento UE per il progetto Horizon Europe denominato CONcISE che mira a sviluppare soluzioni di pre-screening low-cost, non invasive, con alta affidabilità e precisione, da utilizzare per diagnosi di tumori al seno, alla tiroide ed ischemia. Come recita una nota del Gruppo, 3rdPlace si è aggiudicata il progetto insieme ad un consorzio internazionale, di cui per l’Italia fanno parte anche il Politecnico di Milano e il Consiglio Nazionale delle Ricerche. Il valore del finanziamento ottenuto da Datrix è di 260.000 euro suddivisi su 3 anni e mezzo, periodo in cui 3rdPlace ha l’incarico di sviluppare algoritmi di deep-learning innovativi per l’analisi di immagini medicali.

Con questa ulteriore aggiudicazione, Datrix si conferma in prima linea nelle iniziative biomedicali di frontiera, laddove in precedenza aveva già ottenuto finanziamenti per i progetti OrganVision e Crimson. Da inizio 2022, il Gruppo si è aggiudicato già quattro progetti di ricerca e sviluppo per un valore complessivo di oltre 1,1 milioni di euro in ambiti applicativi differenti: dal biomedicale (CONcISE), alla sicurezza informatica (CS-AWARE-NEXT, 424.500 Euro in tre anni), agli attacchi di intelligenza artificiale (CybersecH, 98.130 Euro in 1 anno), fino allo sviluppo di una piattaforma che consente alle persone con deficit visivi di ascoltare contenuti scritti su supporto cartaceo attraverso Amazon Echo e Google Home (OpenEYE, 350.896 Euro in 1 anno e mezzo).

Fabrizio MIlano d’Aragona, CEO di Datrix, ha dichiarato: “Stiamo giocando un ruolo sempre più da protagonista in Europa, testimoniato da riconoscimenti importanti, anche finanziariamente, per la nostra attività di Ricerca & Sviluppo, che ci consente di sviluppare e consolidare tecnologie e conoscenze che poi applichiamo al business”. L’analisi delle immagini è già applicata da Datrix a documenti (ad esempio per l’automazione validazione pratiche bancarie/assicurative), materiali (controllo qualità del settore manifatturiero), mappe (rilevamento opportunità nel settore energetico). “Grazie all’Intelligenza Artificiale assisteremo sempre di più a un processo di contaminazione delle discipline, delle attitudini, delle metodologie e dei settori industriali”, ha concluso.