Papa Francesco durante la visita a Malta (foto Ansa)

Malta, la tv pubblica oscura parole del Papa sulla corruzione

Condividi

Polemiche per la decisione dell’autorità di controllo di non intervenire

A quasi 20 giorni di distanza dal viaggio di Papa Francesco a Malta, scoppia la polemica per le modalità con cui la tv pubblica maltese Tvm ed il canale televisivo One, espressione del partito laburista, hanno raccontato il discorso del pontefice. O meglio su cosa hanno scelto di non raccontare.

Le due emittenti sono sono stati i soli due media maltesi a non dare conto delle parole che il Papa ha pronunciato contro la corruzione, del suo invito ad una politica più onesta che fermi la speculazione edilizia. Parole che sul canale pubblico sono state pubblicate soltanto nella versione integrale del discorso del pontefice, in italiano.

Tema sensibile dopo l’omicidio di Daphne Caruana Galizia

L’omissione ha un peso particolare, considerando come il paese stia ancora facendo i conti con le conseguenza delle indagini sull’omicidio di Daphne Caruana Galizia evidentemente commissionato, rimarca Ansa, per farla tacere dopo le sue rivelazioni sui legami corruttivi tra esponenti del governo Muscat e Yorgen Fenech, il tycoon poi arrestato come mandante dell’assassinio.

la polemica si è riaccesa per la scelta dell’authority di controllo sull’emittente pubblica (Ba) di non intervenire sul tema. “L’omissione del riferimento del Papa alla lotta contro la corruzione è responsabilità dell’emittente e quindi la questione deve essere affrontata dall’emittente stessa” ha affermato la direttrice della Ba, Joanna Spiteri, aggiungendo – secondo quanto riportato dal Times of Malta – che la Ba ha rivisto i due giorni di trasmissioni dedicate alla visita del Pontefice a Malta e che “non abbiamo sentito la necessità di fare alcuna osservazione sul lavoro dell’emittente”.