Alessandro Benetton (Foto ANSA)

Autogrill studia le nozze con Dufry. Ipotesi Benetton primi soci al 20%

Condividi

“Valutiamo diverse opportunità”, scrive la società di ristorazione controllata per il 50% da Edizione Holding

Nel futuro di Autogrill potrebbe esserci il matrimonio con Dufry, operatore elvetico di duty free, e la nascita di un colosso globale nel travel retail.

L’indiscrezione di Bloomberg e il commento di Autogrill

A lanciare l’indiscrezione l’agenzia Bloomberg, seguita da un primo commento da parte della società di ristorazione di cui la famiglia Benetton controlla poco più del 50% del capitale con la holding Edizione. “Nell’ambito della propria strategia di crescita, si legge nella nota Autogrill, il gruppo è interessato a valutare diverse opportunità strategiche e a tal fine intrattiene interlocuzioni anche con operatori del settore nell’obiettivo prioritario della promozione dello sviluppo di Autogrill e del perseguimento della creazione di valore per tutti gli stakeholder”.

Tra le ipotesi, continua l’agenzia, c’è quella di un conferimento di Autogrill in Dufry con pagamento in azioni del gruppo elvetico con i Benetton che, pur diluendosi, diventerebbe primi azionisti con circa il 20% del capitale.
Agli azionisti di minoranza potrebbe essere offerta la possibilità di essere liquidati in contanti, in alternativa alle azioni.

Il valore di mercato e l’impatto del Covid

Stando ai valori attuali, la capitalizzazione di Autogrill è di 2,8 miliardi di euro, quella di Dufry a 3,65 miliardi.
Autogrill, grazie a un business più diversificato rispetto a quello concentrato sul trasporto aereo di Dufry, ha sofferto meno le conseguenze della pandemia, perdendo circa il 10% da febbraio 2020. Gli svizzeri hanno registrato un calo di oltre il 30%.

Il nuovo corso di Edizione

L’ipotesi, secondo gli analisti, sembra coerente con la volontà dei Benetton di far crescere la società restandone azionista di lungo termine e socio di riferimento. E, dopo l’annuncio dell’opa su Atlantia, conferma il dinamismo di Edizione dopo la nomina di Alessandro Benetton (foto Ansa) a presidente della holding.