La comunicazione a scuola cambia. Stop a chat tra docenti e alunni e con i genitori…

Condividi

I presidi del Lazio: ‘Chat di classe solo per emergenze’

“Le chat di classe devo essere usate solo per le emergenze. Altrimenti stravolgono completamente il rapporto che ci deve essere con le famiglie. Non vogliamo abolirle ma regolamentarle”. A ribardirlo, ripreso da Ansa, è Mario Rusconi presidente Anp (Associazione Nazionale Presidi) di Roma che sul Corriere della Sera ha anticipato la notizia della revisione del Codice Deontologico e l’intenzione di emanare un regolamento utile per le scuole di tutta Italia.

“Le chat tra famiglie e insegnanti e tra insegnanti e studenti stanno dilagando – spiega oggi – e stanno creando grossi problemi, una sorta di cortocircuito. Si creano situazioni anomale”. E gli esempi di vita vissuta che cita Rusconi sono tantissimi: ” C’è il genitore che dice perchè mio figlio ha preso 7 e non 8?” oppure “perche’ avete spiegato con due mesi di ritardo la perifrastica passiva?” ed ancora: “perchè aveva cambiato posto a mio figlio che prima stava vicino a Stefano e ora è accanto a Piero?” “Prima di essere preside – racconta Rusconi – sono stato insegnante di latino e greco e purtroppo questo tipo di cose capitano. Non siamo abolizionisti, siamo semplicemente delle persone che vogliono una regolamentazione che non faccia scadere le chat in una sorta di continuo ping pong aggressivo da parte degli uni o degli altri. Questo va assolutamente evitato”.
Le chat di classe secondo il presidente devono essere adoperate “in via solamente emergenziale quando succedono dei fatti molto gravi: all’improvviso la sera precedente alla partenza all’aeroporto una gita viene sospesa. Normalmente si adopera il registro elettronico, spesso però i genitori la sera non lo vedono. Invece mandare una comunicazione su chat viene vista immediatamente, ma deve essere limitata proprio ai casi di emergenza: il ragazzo sta male, una classe ha avuto un incidente e cosi’ via”.

Un esempio di regolamento sull’utilizzo delle applicazioni di messaggistica – “Codice di comportamento” secondo Orizzontescuola potrebbe essere questo:

  • Postare solo messaggi attinenti alla scuola e all’attività didattica
  • Osservare il diritto alla disconnessione (contatti fino alle 19:00, dal lunedì al venerdì, salvo
  • comunicazioni urgenti da parte del DS o delegati/collaboratori)
  • Limitare il numero di post
  • Evitare post e commenti su eventi specifici avvenuti all’interno dell’Istituzione scolastica
  • Utilizzare un linguaggio semplice, chiaro e che non dia spazio a fraintendimenti
  • Evitare conversazioni che manchino di rispetto o siano ambigu