Sea e la strategia “sostenibile” a favore dell’idrogeno

Condividi

Un video in occasione della Giornata della Terra del 22 aprile e una cascata di iniziative per supportare il nuovo corso di Sea, il gestore degli aeroporti milanesi, all’insegna della sostenibilità. L’occasione della giornata della Terra coincide con il lancio di un nuovo colore di riferimento per Sea, l’Ottanio, un incrocio fra verde e blu e con la scelta di rendere pubblica l’ambizione di collocare Sea fra i gestori leader europei del rilancio aeroportuale.

L’azienda controllata dal Comune di Milano punta sull’idrogeno. Gli appuntamenti sono due: dotarsi di infrastrutture per erogare i primi rifornimenti nel 2026 ed essere pronti nel 2035 a gestire l’entrata in servizio dei primi Airbus alimentati a idrogeno. Sea, con i suoi due scali di Linate e Malpensa, si è messa in cordata con gli scali di Parigi Charles De Gaulle e con gli aeroporti di Cuji, in Romania, e di Zagabria vincendo il bando “Olga” sulla sostenibilità degli scali aerei in Europa.

Entro quest’anno Sea doterà i propri aeroporti di autobus per imbarco e sbarco passeggeri ad esclusiva propulsione elettrica mentre, fra quattro anni in coincidenza con le olimpiadi invernali di Milano- Cortina, dovrebbe prendere corpo l’innovazione più vistosa: l’avvio del servizio aereo Taxi per Milano e altre città lombarde attraverso droni a propulsione elettrica e la realizzazione di “vertiporti” a Linate e Malpensa. Il primo scalo europeo a dotarsi di questo servizio sarà il londinese Heatrow. Il trasbordo aeroporto-città dovrebbe costare 140 sterline.