CNN Center building di Atlanta (foto Ansa)

Warner Bros. Discovery semplifica lo streaming: Cnn+ chiude i battenti

Condividi

Il 30 aprile cesserà la piattaforma sulla quale l’emittente aveva investito diverse centinaia di milioni di dollari

Vita breve per Cnn+. La piattaforma in streaming che l’emittente sognava di trasformare in una sorta di ‘Netflix delle news’ verrà chiusa, cessando ogni attività il 30 aprile. Praticamente a un mese dal suo lancio.
La decisione è arrivata con la nascita ufficiale di Warner Bros. Discovery il colosso in cui sono appunto confluite le attività di Warner Media, sotto il cui cappello opera Cnn, e Discovery.

Creatura dell’ex presidente Zucker

Per Cnn+, fortemente voluta dall’ex presidente dell’emittente Jeff Zucker, erano stati fatti investimenti da diverse centinaia di milioni di dollari, con l’assunzione di star della tv.
Ma David Zaslav, ora a capo di WBD non aveva mai nascosto i suoi dubbi sulla piattaforma, per la quale aveva lamentato, non c’erano mai state discussioni sul piano aziendale. E forse, fa intendere Variety, il manager ha anche mal digerito la scelta di Jason Kilar, ex ceo di Warner Media, di lanciarla poche settimane prima della conclusione della fusione tra le parti.

Investimenti su news e Cnn Digital

Alla base della decisione, la necessità di semplificare l’offerta streaming del nuovo conglomerato. “Abbiamo deciso di cessare le operazioni di Cnn+”, ha dichiarato Chris Licht, da poco subentrato a Zucker, specificando come la chiusura sia in linea con i nuovi progetti di Warner Bros. Discovery.
“Cnn sarà più forte come parte della strategia di streaming di WBD, con le notizie come componente importante di un’offerta più ampia e avvincente, con contenuti sportivi e intrattenimento”, ha aggiunto. Chiosando: “i nostri clienti e Cnn saranno serviti al meglio con una scelta streaming più semplice”.
Ora gli investimenti punteranno sulle news e sulla costruzione di Cnn Digital.

Chris Licht (Foto LaPresse)
Chris Licht (Foto LaPresse)

Cambio ai vertici

La decisione ha provocato uno scossone anche ai vertici, già rivoluzionati dall’uscita burrascosa di Zucker. Andrew Morse, che, oltre a ricoprire la carica di executive VP e chief digital officer di Cnn Worldwide, era a capo della piattaforma, ha deciso di lasciare.
Alex MacCallum, responsabile di prodotto per Cnn Worldwide e direttore generale di Cnn+, guiderà Cnn Digital, lavorando con Licht sulle strategie per il futuro.