Arnaud de Puyfontaine (Foto Ansa)

Vivendi promette investimenti in Europa e nel mondo; Italia “una priorità”

Condividi

La pace con Mediaset e Elliott tra i punti di soddisfazione per la media company

Vivendi continuerà ad investire in Europa ed ovunque nel mondo. E’ il messaggio chiaro sulle strategie della media company francese lanciato da Yannick Bolloré, presidente de supervisory board, durante l’assemblea degli azionisti del gruppo, tornata in presenza dopo 3 anni.

Ricavi +7,9%

I numeri parlano di un primo trimestre 2022 con ricavi saliti del 13,4% a 2,38 miliardi di euro (+7,9% su base organica), grazie al contributo, principalmente, di Canal+ (+6% a 1.446 milioni di euro) e Havas (+17,7% a 591 milioni) mentre i ricavi di Editis sono scesi dell’1,7% a 160 milioni di euro. Il fatturato è superiore ai 2,26 miliardi del consensus di Bloomberg.

Nel suo intervento, Bolloré ha fortemente insistito sull’importanza di essere un gruppo di portata europea, aspetto che, ha detto, “rappresenta un importante punto di forza”. “Crediamo alla forza e alla ricchezza” dei contenuti culturali europei”, ha aggiunto.

La pace con Mediaset e il fondo Elliott

Soffermandosi sugli investimenti in Italia, il manager ha detto: il “conflitto con Mediaset sembra risolto e la situazione sembra essersi distesa sul fronte Telecom Italia dopo i problemi causati, qualche anno fa, del fondo attivista Elliott” .
“L’Italia resta più che mai una priorità per il nostro gruppo”, gli ha fatto eco il ceo di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine, mostrandosi a sua volta soddisfatto per la “fine del contenzioso con Mediaset” ed esprimendo la volontà di rimettere Tim “sulla via del successo”. “Pieno sostegno” è stato quindi espresso all’ad Pietro Labriola nonché al “nuovo piano strategico e ambizioso” per Telecom Italia. “Vivendi, ha continuato Puyfontaine, resta determinata a svolgere il suo ruolo di azionista industriale di lungo termine”.

L’Opa su Lagardère

Quanto all’Opa di Vivendi su Lagardère, attiva ufficialmente da qualche giorno, De Puyfontaine ha spiegato: “accelererà il nostro progetto: costruire un leader nel settore dei media, dei contenuti e della comunicazione, combinando le attività di creazione, produzione e distribuzione”.