Ren Zhengfei, fondatore e ceo di Huawei (Foto Ansa)

Huawei pensa ad aggirare il bando Usa con il marchio Hi Nova

Condividi

Huawei potrebbe utilizzare un nuovo marchio per aggirare il bando Usa che l’ha colpito dal 2019, sotto l’allora presidenza Trump, e che è stato pesante dal punto di vista economico.

Secondo le indiscrezioni riprese da Ansa, in circolazione su siti di settore come gizchina.com, il brand in questione si chiama Hi Nova, è stato lanciato nel 2021 ed è di proprietà di China Post, ente governativo che ha portato sul mercato alcuni smartphone. L’azienda ha lanciato alcuni smartphone che sono molto simili alla serie Nova di Huawei. Questa azienda ha inoltre accesso all’acquisto di componenti, in particolar modo i chip 5G, accesso negato a Huawei dai tempi del bando americano. E può anche installare l’ultima versione di Android negli smartphone con i servizi di Google, anche questa interdetta a Huawei tanto che l’azienda cinese dopo il bando americano ha dovuto progettare un suo sistema operativo, Harmony OS.



Al momento i dispositivi a marchio Hi Nova sono disponibili esclusivamente in Cina. Ma gli esperti non escludono – osserva il sito – che la gamma di dispositivi di questa azienda crescerà ed, eventualmente, sarà lanciata successivamente al di fuori della Cina.

(Nella foto, Ansa Ren Zhengfei, fondatore e ceo di Huawei)