Brunello Cucinelli (Foto LaPresse)

Nella moda italiana più donne nei Cda italiani ma siamo ancora lontani dalla media Ue

Condividi

Cresce la presenza femminile nei consigli d’amministrazione del fashion Made in Italy: nel 2021 le donne rappresentano il 25,6% dei membri, in crescita dell’11,6% rispetto al 2020. Nonostante questo miglioramento, le aziende italiane sono ancora lontane dalla media europea, pari al 32,7%, e dai player internazionali, Francia in testa con il 41,7% di donne nei board, seguita dagli Stati Uniti (37,9%) e dal Regno Unito (36%).

E’ quanto emerge dalla ricerca “Donne e Moda”, promossa da PwC Italia in collaborazione con Il Foglio della Moda. Nel 2021 i best performer del settore per presenza femminile nei cda sono Brunello Cucinelli e Salvatore Ferragamo, entrambi con 6 donne nel board, e Tod’s con 5 donne. Secondo le analisi di Pwc, effettuate sulle visure di 57 aziende associate alla Camera Nazionale della Moda Italiana, 3 donne su 10 nel 2021 sono riuscite a entrare negli organi societari del comparto (30,4% di rappresentanza femminile), segnando una crescita del 7,8% sul 2020.

Il comparto tessile-abbigliamento conferma la propria vocazione rosa, con una media della manodopera femminile nel 2020 pari al 59,8%. L’incidenza femminile più alta si registra nelle posizioni impiegatizie (67,5% degli impiegati è donna) e nei ruoli di produzione: il 58,2% degli operai è donna. Ancora minoritaria, invece, la percentuale di donne “quadro”, pari al 37,6% contro il 62,4% di uomini, e ulteriormente al ribasso per i ruoli dirigenziali (22,6% donne contro 77,4% uomini). Considerando solo il segmento delle lavoratrici femminili, quasi 7 donne su 10 (69,3%) sono operaie, a fronte di una quota dello 0,9% di donne quadro e 0,3% di donne dirigenti.