Frabio Lazzerini (foto Ansa)

Ita lancia True Italian Experience per la promozione turistica del paese

Condividi

In sinergia con il Ministero del Turismo, l’hub propone esperienze di viaggio per raccontare l’Italia. L’ad Lazzerini: fare sistema per valorizzare il paese.

Nasce True Italian Experience, hub digitale per lo sviluppo del turismo verso l’Italia. Il progetto vede in campo Ita Airways, nel ruolo di main partner, in sinergia con il Ministero del Turismo. Obiettivo, creare un sistema di promozione nel mondo, aggregando i principali stakeholder della filiera turistica e raccontando, riunite in un solo sito, le esperienze che si possono vivere in Italia.

Digitalizzazione, centralità del cliente, innovazione e sostenibilità del turismo sono i pilastri su cui si fonda il portale che propone pacchetti tutto compreso, con alte possibilità di personalizzazione.
Centrale il ruolo dei video per la presentazione delle bellezze tricolore, che come ricorda Ita “ha 40 mila rocche e castelli, 5600 musei e aree archeologiche, 20 mila centri storici”. In molti casi sconosciuti anche agli italiani.
Realizzato in italiano e in inglese, True Italian Experience guarda sopratutto alla clientela internazionale con costi indicati in euro, dollari e sterline.

Lazzerini: fare sistema per far conoscere l’Italia

“Ita Airways è nata con tre obiettivi: essere un attore importante nello scenario della logistica e del trasporto aereo internazionale, essere economicamente ed ecologicamente sostenibile, svolgere il ruolo di compagnia di bandiera italiana, facendo sistema con tutti gli operatori dell’ economia e del turismo per contribuire alla crescita del Paese”, ha spiegato Fabio Lazzerini, amministratore delegato di Ita Airways alla conferenza stampa di presentazione. Con lui anche il presidente della compagnia aerea Alfredo Altavilla.

“True Italian Experience ci permette di fare sistema aggregando i principali attori pubblici e privati della filiera turistica italiana, lavorando per la valorizzazione delle esperienze sostenibili, innovative e inclusive presenti nel nostro paese”.

“Il focus è portare i viaggiatori a scegliere l’Italia, ad amarla e a consigliarla come l’esperienza turistica più varia e coinvolgente del mondo”, ha aggiunto il manager, ricordando come al momento la compagnia ha una presenza commerciale in 67 paesi che cresceranno gradualmente fino a 89.

Garavaglia: 2022 anno di ripartenza

Accanto ai vertici di Ita, folta la rappresentaza politica, che ha visto protagonisti il ministro del Turismo Garavaglia, il Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Ambasciatore Ettore Francesco Sequi, Massimiliano Fedriga, presidente della conferenza Stato-Regioni e del Friuli Venezia Giulia, e i sindaci di Roma e Milano, Roberto Gualtieri e Giuseppe Sala.

Massimo Garavaglia
Massimo Garavaglia

“Questo è l’anno della ripartenza per il turismo, ci siamo dati un obiettivo ambizioso: raggiungere i numeri del 2019, che è stato un anno record per il turismo in Italia”, ha detto il ministro Garavaglia, definendo True Italian Experience “un progetto perfetto” per il rilancio del settore. “Questa è un’enorme opportunità per far rendere il nostro patrimonio”, ha sottolineato il ministro, spiegando che “serve tanta organizzazione e questa piattaforma è un’organizzazione, mette insieme diversi pezzi per farli funzionare”.

Promozione turistica tra gli obiettivi della Farnesina

Promuovere l’Italia come destinazione privilegiata per i turisti stranieri è una priorità della diplomazia economica e commerciale della Farnesina, ha spiegato l’Ambasciatore Sequi.
Un concetto più volte rimarcato dalla Farnesina che ha inserito la promozione turistica nella strategia integrata di sostegno all’internazionalizzazione delle imprese italiane voluta dal Ministro Di Maio e delineata nel Patto per l’Export.

Nella foto si riconoscono Alfredo Altavilla, Massimo Garavaglia, Roberto Gualtieri, Fabio Lazzerini e Massimiliano Fedriga
Nella foto si riconoscono Alfredo Altavilla, Massimo Garavaglia, Roberto Gualtieri, Fabio Lazzerini e Massimiliano Fedriga