Ascani (Mise): lavoriamo per una transizione digitale inclusiva

Condividi

“È stata un’occasione molto importante per il nostro Paese per confrontarsi e discutere di innovazione, sviluppo e cybersicurezza con i nostri principali partner internazionali. Il compito dei governi è accompagnare i processi di innovazione in atto, nella pubblica amministrazione come nelle imprese, prevenendo i rischi e massimizzando le opportunità. L’Italia, in questo senso, vuole essere all’avanguardia e indicare una strada comune, fatta di valori condivisi e buone pratiche. La dichiarazione che abbiamo adottato al termine di questa ministeriale va nella giusta direzione”. Ad affermarlo in una nota ripresa da Adnkronos è Anna Ascani, Sottosegretaria al Mise e vicepresidente Pd, sulla partecipazione al G7 dei Ministri per le politiche sul digitale, che si chiude oggi a Düsseldorf, in Germania.

“L’Italia è impegnata in un processo di transizione digitale inclusivo, attento allo sviluppo delle competenze, alla sicurezza dei dati e alla salvaguardia dei gruppi più esposti ai rischi della rete”, sottolinea Ascani, che ha avuto anche diversi incontri bilaterali con i rappresentanti dei governi di Usa, Germania e Giappone, per approfondire i temi del G7 ribaditi nella Dichiarazione finale: sviluppo del digitale nel rispetto dell’ambiente, sicurezza dei dati, inclusione, e cooperazione tra Stati.