Internazionali, appuntamento pilota per la ripartenza durante la pandemia

Condividi

Dopo la ministra Fabiana Dadone, è stata la volta del ministro della Salute Roberto Speranza fare visita a ‘Vita da Campioni’ presso WeSportUp al parco del Foro Italico.


“Questo torneo è una festa della ripartenza”, ha dichiarato Speranza, “il tennis italiano ha fatto un salto in avanti rilevante. Tutti abbiamo sotto gli occhi la finale di Matteo Berrettini a Wimbledon e la crescita di Jannik Sinner. La pandemia? La settimana scorsa a Washington ho incontrato Anthony Fauci e mi ha detto che il Covid è un virus che stiamo imparando a conoscere e che sta mutando, non possiamo avere certezze assolute però i vaccini e le nuove cure possono cambiare la partita. Sport e salute non è solo un binomio ma Sport è salute e oggi abbiamo la necessità di affrontare i numeri sull’obesità con estremo rigore perché crescono soprattutto nelle aree di maggiore disagio”.
Dalla pandemia sono emerse tre esigenze: c’è una maggiore voglia di stare all’aria aperta, di spostarsi a piedi o in bicicletta e di un’alimentazione sana e corretta. “Il nostro compito è proprio quello di veicolare corretti stili di vita con azioni concrete che partano dalla scuola”, ha ribadito il presidente e ad di Sport e Salute Vito Cozzoli.
“Gli Internazionali Bnl d’Italia, in questi ultimi anni, sono stati l’appuntamento pilota per riaprire al grande pubblico”, ha confermato il presidente della Fit Angelo Binaghi.


È intervenuta anche la pluricampionessa dello sci di fondo Manuela Di Centa: “Con l’iniziativa ‘Legend’ noi campioni del passato abbiamo messo a disposizione le nostre esperienze, perché è necessario comunicare non solo le medaglie, ma i percorsi che formano le persone. Fondamentale lo sport a scuola,ma bisognerebbe iniziare a farlo praticare fin dall’asilo”.