Luca Azzali e Massimo Fubini

Boom email marketing: dopo fase iper-reattiva del lockdown, utenti più selettivi e curiosi

Condividi

Mailup presenta la 12° edizione dell’Osservatorio Statistico 2022

Mailup lancia la dodicesima edizione dell’Osservatorio Statistico 2022, che mette a disposizione del mercato un documento che ogni anno aiuta le aziende a confrontare i dati delle proprie campagne email con le medie del proprio settore, e a individuare le strategie di comunicazione digitale vincenti per migliorare le proprie attività di Email Marketing.

Osservatorio Statistico 2022

osservatorio-statistico-email-2022_compressed

L’Osservatorio Statistico 2022 ha preso in considerazione oltre 15 miliardi di messaggi email tra newsletter, email transazionali e comunicazioni di natura commerciale inviati nel 2021 dalle circa 10mila piattaforme dei clienti MailUp. Un miliardo in più di messaggi inviati, un volume che supera del +8,7% i numeri del 2020.
Lo studio si è poi concentrato sulle principali metriche dell’Email Marketing: aperture, clic e clic su aperture. Le aperture uniche hanno registrato un tasso medio del 15%, superando di + 1,2% le performance del 2020; i clic unici, attestandosi in media all’1,5%, calano quasi impercettibilmente (-0,1%) rispetto al 2020; i clic sulle aperture, che rappresentano la metrica più affidabile per calcolare la reale interazione degli utenti con il brand attraverso lo strumento dell’email marketing, hanno registrato un tasso medio del 9,9% con un calo di performance di -1,9% rispetto allo scorso anno.

L’analisi – spiega una nota – restituisce una panoramica completa e puntuale sul grado di adozione del canale email da parte delle aziende e aiuta a comprendere quanto l’utilizzo di questo strumento sia ormai consolidato non solo nello scenario post-Covid ma anche nel ventaglio di attività di comunicazione e marketing adottate dai brand. Le evidenze emerse in questa parte di analisi (-0,1% sui tassi di click e -1,9% sui tassi di click su aperture) mostrano però anche che gli utenti, superata la fase dell’iper-reattività durante il lockdown, che li portava ad essere sempre connessi sia per lavoro sia durante il proprio tempo libero, sono diventati più selettivi nel grado di curiosità e interazione verso i messaggi ricevuti. A fronte di un numero maggiore di email in inbox, è molto più facile che il destinatario dedichi il proprio tempo a quei messaggi che catturano realmente il suo interesse. Per questo motivo è ora più che mai obbligatorio investire sulla creazione di contenuti personalizzati e di qualità, e su strumenti di Marketing Automation che permettano ai brand di farsi trovare sempre pronti a dialogare quando il contatto è su quel canale, se lo aspetta ed è predisposto ad interagire.

Massimo Fubini, responsabile della nuova unit combinata MailUp+Contactlab

“Nel post-pandemia i brand devono impostare le proprie strategie di engagement facendosi guidare dalla qualità della relazione. Per rendere autentica e di valore la conversazione, per sapere quando i clienti sono pronti ad ascoltarci, quando si aspettano di ricevere le nostre comunicazioni bisogna conoscere la propria customer base. La nuova unit combinata Mailup+Contactlab, che da qualche giorno ho l’onore di guidare in prima persona, promuove un approccio data-driven all’email marketing e al customer engagement perchè l’analisi dei comportamenti è alla base del riconoscimento di cluster con caratteristiche comuni. Continuiamo quindi ad aiutare i clienti nel mettere in ordine i dati, vero patrimonio del brand, e ad utilizzarli per estrarre insight per il marketing e per il business”.

Questa edizione dell’Osservatorio Statistico è servita anche a celebrare il ventennale della piattaforma di Email Marketing MailUp e a fare un primo bilancio sui risultati raggiunti dai clienti grazie alla tecnologia e agli strumenti dell’offerta MailUp.

Oltre ai volumi di invio sono stati analizzati i tassi di recapito del 2021 che hanno raggiunto il loro picco massimo nella storia dell’Osservatorio Statistico: un 99% che rappresenta un traguardo molto importante per questi vent’anni di MailUp.

Luca Azzali, co-fondatore di MailUp

«Quest’anno le oltre 10.000 piattaforme MailUp dei nostri clienti ci hanno fatto raggiungere un tasso di recapito pari al 99%: un risultato che parla da sé e che gratifica il lavoro svolto in questi anni per affinare la sicurezza e l’affidabilità dell’infrastruttura di invio MailUp. In questo ventennio il modo di comunicare sul digitale è cambiato notevolmente per adattarsi a esigenze in continua evoluzione. L’Osservatorio Statistico 2022 è quindi un documento che è oggi più che mai utile per comprendere quali scelte e direzioni prendere in un mercato sempre più dinamico e competitivo».

In secondo luogo, dal punto di vista delle aperture si è registrato un prevedibile aumento negli ultimi mesi dell’anno, frutto delle conseguenze della Protezione Privacy di Apple.
Alle conseguenze dell’aggiornamento Apple l’Osservatorio Statistico 2022 ha dedicato un più ampio focus, accompagnato dagli altri due consueti approfondimenti sulle performance dei 50 settori merceologici del bacino clienti MailUp e sull’andamento del settore e-commerce.