Nick Read (Foto Ansa)

Vodafone: Emirates acquisisce il 9,8%, diventando primo azionista

Condividi

Con un investimento da 4,4 miliardi di dollari Emirates vuole diventare azionista di lungo termine senza cercare di esercitare il controllo

Etisalat, compagnia telefonica degli Emirati Arabi Uniti, entra in Vodafone. Conosciuta come Emirates, la società ha annunciato di aver acquisito una partecipazione del 9,8%, pari a 2,766 miliardi di azioni di azioni.
L’operazione da 4,4 miliardi di dollari è avvenuto attraverso Atlas 2022, controllata al 100% da Emirates e costituita appositamente, e colloca il gruppo telco tra i primi azionisti di Vodafone, superando i fondi Usa Blackrock (6,2%) e Vanguard (5%), il gruppo bancario londinese Hsbc (3,7%) e la banca centrale norvegese, Norges Bank (2,6%).

Visibilità sui mercati internazionali

L’operazione, spiega Emirates, è “pienamente in linea” con l’ambizione di essere un attore globale nel settore delle tlc e della tecnologia e di aumentare la propria esposizione ai mercati internazionali”.

Emirates azionista a lungo termine, in linea con Cda

L’investimento ha come obiettivo “ottenere un’esposizione significativa nel leader mondiale nella connettività e nei servizi digitali”. Emirates ha specificato di sostenere pienamente il cda di Vodafone e la sua attuale strategia aziendale annunciata a novembre 2021.
Non cerca la rappresentanza del consiglio ed è fiducioso nella capacità dell’azienda di sbloccare valore dalla sua attività commerciale organica e da altre potenziali transazioni strategiche.
L’intenzione è quella di essere azionista a lungo termine, di supporto in Vodafone, di non cercare di esercitare il controllo o di influenzare il Cda o il team di gestione della società , senza fare un’offerta per Vodafone.

Possibili partnership commerciali

“Emirates vede in questo investimento un uso altamente efficiente del suo solido bilancio, con forti vantaggi di diversificazione valutaria”, si legge ancora nella nota, aprendo a “possibili partnership commerciali nei settori della ricerca e sviluppo, delle applicazioni tecnologiche e degli appalti”.

Secondo il ceo di Emirates Hatem Dowidar, l’investimento darà l’opportunità alla compagnia “di migliorare e di sviluppare il nostro portafoglio internazionale, in linea con la nostra ambizione strategica”.

Le pressioni del fondo Cevian Capital su Vodafone

L’investimento arriva in un momento particolare per Vodafone. Da diversi mesi sotto il fondo attivista Cevian Capital chiede di semplificare il portfolio, potenziando la presenza nei mercati chiave.
Di pochi giorni fa è la notizia delle trattative con Ck Hutchinson in Inghilterra per arrivare a una fusione con Three Uk.

(nella foto, Ansa, Nick Read, ceo di Vodafone)