Facci e Alcaraz

Sdoganamento dell’ignoranza. Facci: passare per uno che non legge libri non è un problema

Condividi

Mi impressiona lo sdoganamento dell’ignoranza. Scrive Filippo Facci su “Libero Quotidiano nell’articolo che segue.

”Sappiamo che la cultura non rappresenta più uno status: tantomeno leggere libri o vedere certi film o spettacoli teatrali. È normale, perché la carta e i cinema e i teatri sono strumenti non interattivi, ergo non possono stare nella traiettoria di ciò che è interconnesso e di cui oggi si fruisce con tempi e modi diversi. Verdersi tre ore di film non rende migliori rispetto al vedersi quattro puntate filate di un serial tv.
È cambiata la capacità di percezione, ma è sempre successo. La plebe, ai tempi di Mozart, non trovava lunghe delle opere musicali che duravano cinque ore: mentre oggi, dopo mezz’ora, un ragazzino si butterebbe dai loggioni.
Mi impressiona altro. Carlos Alcaraz, tennista spagnolo 19enne, alla Stampa ha detto: «Non leggo libri». Non per mancanza di tempo, non li legge e basta. E lo dice. Passare per uno che «non legge libri» non è un problema.
Bebe Bio, 25enne, onnipresente schermitrice paralimpica, a Repubblica ha detto che era vicina di casa di Bernardo Bertolucci, il regista, «ma non avevo idea di chi fosse, andavo a casa sua, vedevo gli Oscar ma pensavo fossero finti». Mi impressiona che l’abbia raccontato. In un’intervista. E prima che, fra tre giorni, vada a sfilare a Cannes per il festival del cinema.