Simone Barlaam, testimonial EA7: vincere vuol dire ispirare le nuove generazioni

Condividi

Testimonial di EA7 Emporio Armani, Simone Barlaam, la stella del nuoto paralimpico italiano, è stato ospite speciale alla Sales Convention dell’azienda durante gli Internazionali Bnl d’Italia.


“La vittoria è un concetto molto soggettivo, non si limita alla medaglia o al tempo”, ha dichiarato l’azzurro, “Vincere secondo me è molto più di questo. Vincere significa essere appagati, soddisfare il giudice più severo che ci sia sulla faccia della Terra: noi stessi. Vincere significa inspirare le future generazioni e le persone a noi care. Ed è per questo che nonostante il mio sia uno sport individuale, il fattore chiave che fa la differenza è la squadra che sta al mio fianco, non dietro di me. Gli allenatori, i preparatori atletici, gli psicologi ma anche i compagni di squadra, come i colleghi, con i quali condivido le sofferenze e le batoste quotidiane. L’uomo è un animale che è fatto per stare nel branco, ed è in un gruppo che tira fuori il meglio di sé. Aprirsi, confrontarsi ed aiutarsi l’un l’altro sono comportamenti fondamentali per la vittoria. La conquista del singolo è la vittoria del gruppo, e viceversa”.


Il nuotatore, milanese, classe 2000, è diventato testimonial della linea EA7 Emporio Armani alla vigilia delle Olimpiadi di Tokyo.


“Mi piace citare Phil Jackson, uno dei più grandi allenatori di basket di sempre. Il ‘maestro Zen’ – come lo chiamavano i suoi giocatori – diceva “la forza di un gruppo è il singolo, è la forza del singolo è il gruppo”. Questa frase, per quanto possa sembrare retorica, è la chiave. Perché come in un meccanismo perfetto, ogni ingranaggio ha il suo ruolo che è fondamentale per raggiungere l’obiettivo finale. Appena uno di questi ingranaggi smette di funzionare ne risente tutto il meccanismo. Ed è per questo che il dialogo, il supporto e l’aiuto reciproco sono qualità fondamentali in un team vincente”, ha concluso il suo speech al Foro Italico Simone Barlaam.