Marco Pontini lascia Radio Italia per un “nuovo e grande” progetto

Condividi

Il vice presidente di Radio Italia, Marco Pontini, lascia l’emittente dove ha lavorato negli ultimi 18 anni.

Chi lo conosce sa che non sarà stata una scelta facile essendo strettissimo il legame con l’editore Mario Volanti e la sua famiglia. E forse il rapporto probabilmente continuerà come consulente esterno di alcuni progetti strategici.

La comunicazione ufficiale della sua nuova destinazione arriverà il 25 maggio, dopo che si sarà svolto il Radio Italia – Il Concerto 2022, appuntamento importantissimo per l’emittente e per la musica italiana previsto sabato 21 in Piazza Duomo a Milano.

Contattato da Primaonline Pontini conferma di essersi trovato a un punto della vita con in mano un progetto “nuovo e grande” arrivato a maturazione. Resta intatto l’affetto per Mario Volanti, suo figlio Alessandro e le altre persone con cui ha lavorato a stretto contatto negli ultimi 18 anni: “Più che colleghi, per me una famiglia”.

Cosa farà Marco Pontini? Lo sapremo, come detto, il 25 maggio. Per ora trapela solo che resterà nel mondo dei media e dell’entertainment “in un modo particolare”, non in radio e non alla concorrenza.

Pontini – ricorda BrandNews – ha fatto il suo ingresso a Radio Italia nel 2005: la sua nomina coincise con la strategia voluta da Volanti di rafforzamento e rilancio del gruppo. Diventato direttore generale marketing e commerciale nel 2009, ha contribuito al rinnovamento del palinsesto e dell’immagine coordinata, sviluppando partnership d’eccellenza in ambito sportivo, musicale, teatrale e culturale.

Laureato in economia e commercio alla Cattolica di Milano, Pontini nel 1995 è con Claudio Cecchetto a Radio Capital, nel 1996 passa a Radio e Reti alla guida delle iniziative speciali e degli eventi di tutte le radio della concessionaria pubblicitaria. Nel 2001 entra nel Gruppo Forumnet della famiglia Cabassi come direttore generale. Segue l’acquisizione della Compagnia della Rancia, società di produzione di musical di cui diventa amministratore delegato.

Nel gennaio 2004 entra nel board dell’European Arenas Association che racchiude le più importanti strutture polifunzionali d’Europa diventandone vice presidente. Nel gennaio 2014 entra nel consiglio di amministrazione di Monradio in qualità di consigliere con delega alla gestione di R101 per la parte editoriale e marketing e assume il ruolo di direttore editoriale e marketing di R101.