Fuortes (Rai): orgogliosi di avere a Cannes la serie ‘Esterno notte’

Condividi

“Siamo molto orgogliosi della presenza al Festival internazionale di Cannes della serie ‘Esterno notte’. Conferma la giusta scelta di aver investito su questo progetto diretto da Marco Bellocchio, un grande Maestro del cinema italiano”, ha detto oggi a Cannes l’amministratore delegato della Rai Carlo Fuortes.

Carlo Fuortes (Foto LaPresse)
Carlo Fuortes (Foto LaPresse)

“La Rai è da sempre vicina al cinema e agli autori italiani e ne valorizza le creazioni. La serie Rai ‘Esterno notte’ racconta in modo magistrale una delle tragedie più grandi della nostra Repubblica, la prigionia e la morte di Aldo Moro. In questo modo la Rai continua, anche attraverso la fiction, il suo lavoro sulla storia e la memoria del nostro Paese”, ha affermato Fuortes ripreso da Adnkronos.

Sono orgoglioso e felice – ha detto Marco Bellocchio – di essere stato invitato al Festival di Cannes e, ora, tranquillo per non essere in concorso. Poi, alla proiezione, ricominceranno i palpiti: è un altro esame (la vita è tutta un esame o almeno io la vivo un po’ così…) che affronterò senza prendere un calmante“.

La presenza italiana al Festival di Canne è forte: in gara “Nostalgia” di Mario Martone, con Piefrancesco Favino e Francesco Di Leva, tratto dal romanzo di Ermanno Rea. E poi  Valeria Bruni Tedeschi che firma il film francese “Les Amandier”, che racconta il lavoro con il maestro Patrice Chéreau e la scuola di teatro che l’attrice e regista ha frequentato a Parigi negli anni Ottanta. 

L’atteso “Esterno notte” di Marco Bellocchio, nella selezione “Cannes Première” è la prima serie del Maestro che presenta la sua versione della storia del rapimento di Aldo Moro, dopo averla già raccontata nel 2003 nel film “Buongiorno notte”, la cui trama era stata liberamente ripresa dal libro del 1998 “Il prigioniero” della ex brigatista Anna Laura Braghetti.

Nella serie, Fabrizio Gifuni interpreta Aldo Moro e, nel cast, ci sono Toni Servillo e Margherita Buy

La direttrice di Rai Fiction, Maria Pia Ammirati, a proposito della selezione di Cannes, ha detto: “È un riconoscimento, se mai ce ne fosse ancora bisogno, per un Maestro che il Festival ha sempre amato, e il segno di un’attenzione nei confronti del racconto seriale, che va oltre lo storico perimetro del cinema e riguarda ormai la narrazione audiovisiva come tale. Questa vetrina prestigiosa viene a confermare la qualità di un lavoro che sulla proposta di Bellocchio ha unito Rai Fiction, The Apartment, società del gruppo Fremantle, Kavac Film e Arte France. E mi pare giusto sottolineare come ‘Esterno notte’ sia una sfida sotto tanti punti di vista, per un’ indiscussa autorialità che si mette alla prova su un nuovo formato, per l’originalità con cui Bellocchio torna ad affrontare un passaggio drammatico della storia italiana, per la capacità della fiction di trovare nelle contraddizioni del passato la forza e le ragioni per un presente finalmente diverso