Made in Italy, Di Maio: sport punto di forza per l’export

Condividi

Secondo il ministro degli Esteri, riunendo diverse filiere lo sport aiuta il posizionamento internazionale dell’economia del Paese

Lo sport ha un ruolo per la promozione del Made in Italy. Lo ha ribadito il Ministro degli Esteri e della Cooperazione, Luigi Di Maio, partecipando con un videomessaggio registrato all’evento ‘Sport e imprese. What’s Next?’.
“L’attività promozionale mirata, coordinata, sistematica del Made in Italy è un fattore chiave per il posizionamento delle imprese sui mercati esteri: lo sport italiano, riunendo diverse filiere produttive, apporta un contributo fondamentale al raggiungimento di questo obiettivo”, ha spiegato intervenendo al convegno organizzato dal Comitato Leonardo, al Salone d’Onore del Coni con Agenzia per la promozione e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, Confindustria.

Sport “punto di forza” per l’export

“Il sistema sportivo costituisce un punto di forza dell’export italiano. E’ un veicolo di promozione del benessere della popolazione. Il solo esempio degli export degli articoli sportivi lo testimonia”, ha proseguito Di Maio, che ha ricordato come l’attenzione della Farnesina alle dinamiche del settore sportivo nel quadro dell’economia nazionale sia aumentato “da quando ha assunto le competenze in materia di commercio estero e ha posto innovazione, digitalizzazione e qualità dell’export alla base della strategia di sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese italiane”.

“Nel patto dell’export la Farnesina ha assicurato il proprio contributo all’intensa azione del Governo, volta a mitigare l’impatto della pandemia sulle imprese”, ha continuato Di Maio, secondo quanto riportato da AdnKronos. In particolare, “la legge DI bilancio 2022 prevede risorse per 1,5 miliardi di euro l’anno per il prossimo quinquennio nello scenario attuale che vede aspettative di crescita sensibilmente influenzate dal conflitto in Ucraina”

Sostegno a Milano-Cortina

Dal Maeci arriva anche il sostegno per le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026. “Coinvolgeremo la nostra rete estera nella divulgazione delle iniziative della Fondazione promuovendo l’affluenza ai giochi di spettatori da tutto il mondo”.

Secondo uno studio Luiss, citato dallo stesso Di Maio, l’evento a cinque cerchi immetterà nel sistema economico italiano tre miliardi di euro di risorse aggiuntive. “Si dimostra il grande potenziale dei Giochi”, ha sottolineato il titolare della Farnesina, “a fronte di un incremento della domanda pari a un miliardo di euro generato dagli investimenti connessi alla loro organizzazione, l’effetto complessivo sul sistema economico italiano si tradurrebbe in un’immissione di nuove risorse pari a 3 miliardi di euro”.