Sostenibilità: nel 2021 nessun progresso. Impatto Covid su povertà, lavoro e clima

Condividi

Secondo il Sustainable Development Solutions Network Usa, Brasile e Russia sono i paesi G20 meno attivi per sostenere l’agenda Onu

Per il secondo anno consecutivo, nel 2021 il mondo complessivamente non ha fatto progressi sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals, Sdg), adottati dall’Onu nel 2015 con l’Agenda 2030.
Lo rivela il rapporto annuale della Rete per le soluzioni di sviluppo sostenibile (Sdsn), network internazionale nato in seno alle Nazioni Unite nel 2012, che ogni anno dedica un approfondimento sul tema.

L’impatto della pandemia

Gli Obiettivi sono 17, e riguardano quattro temi: lavoro dignitoso e crescita economica, città e comunità sostenibili, riduzione delle ineguaglianze, azione sul clima. L’Sdsn ogni anno fissa un indice sul progresso verso gli Sdg di ogni singolo stato e di tutto il mondo.
Per l’anno appena concluso l’indice è leggermente diminuito. In particolare, la pandemia ha avuto un impatto sugli obiettivi ‘Sconfiggere la povertà’ e ‘Lavoro dignitoso e crescita economica’, ostacolando anche il cammino negli ambiti relativi a ‘Clima’, ‘biodiversità’ e ‘Sviluppo urbano sostenibile’.

La classifica: Finlandia al top

I paesi del nord Europa sono i paesi più virtuosi secondo l’indice: in vettac’è la Finlandia, seguita da Danimarca, Svezia e Norvegia. La top ten è composta da paesi europei. L’Italia è al 25/o posto, su 163 paesi.
L’Asia orientale e meridionale è la regione che ha progredito maggiormente, con in testa il Bangladesh e la Cambogia. Il Venezuela è il paese che ha registrato il calo maggiore.
Al contrario, tra gli Stati membri del G20, gli Stati Uniti, il Brasile e la Federazione Russa mostrano il minor sostegno all’Agenda 2030.

Africa fanalino di coda

I paesi nordici dimostrano un sostegno relativamente elevato per gli Sdg, così come l’Argentina, la Germania, il Giappone e il Messico. Alcuni paesi come il Benin e la Nigeria in Africa hanno grandi lacune nel loro Indici Sdg, ma ottengono anche punteggi relativamente alti per i loro sforzi politici.
In fondo alla classifica dei 163 paesi c’è il Sud Sudan, preceduto da Repubblica Centrafricana e Ciad.

Il rapporto mostra come i paesi ricchi generino ricadute socioeconomiche e ambientali negative sui paesi più poveri, in particolare attraverso consumi non sostenibili.