Maria Zakharova (Foto Ansa)

Mosca minaccia i media Usa: ritorsioni se non cambia linea verso i giornalisti russi

Condividi

Se Washington non cambia atteggiamento nei confronti dei giornalisti russi che lavorano negli Stati Uniti, Mosca agirà di conseguenza con i reporter americani presenti nel paese. E’ la sintesi del messaggio che Maria Zakharova, portavoce del ministro degli Esteri ha comunicato ai rappresentati dei media Usa presenti in Russia.

Russia “obbligata”

All’incontro, annunciato la scorsa settimana, hanno partecipato corrispondenti da Mosca del Wall Street Journal, Cnn, Ap, Npr, Alhurra TV e una serie di altri media.
Zakharova, riporta Reuters, ha elencato le difficoltà incontrate dai russi sul suolo americano: dal rinnovo dei visti, ai conti bancari bloccati, fino a presunte molestie da parte delle agenzie di intelligence statunitensi.

Tutte misure che la Russia si riserve di utilizzare contro i giornlisti americani, “perchè obbligata”, come ha ribadito la portavoce di Lavrov.

Tre mesi di tempo

Tra le prime ritorsioni c’è la revoca degli accrediti. “Ci sono stati concessi tre mesi da ora. Se l’atteggiamento nei confronti dei media russi a Washington non cambia, allora probabilmente ci sarà una sorta di risposta”, ha detto il corrispondente capo della compagnia televisiva americana Alhurra TV, Feras Almardini, rispondendo a una domanda di Ria Novosti sul contenuto dell’incontro.

.