Thierry Breton (foto Ansa)

Ue, proposta contro l’obsolescenza programmata di smartphone e tablet

Condividi

Il commissario Breton: “No a chi vuole farci cambiare smartphone ogni 3 anni”

La Commissione europea si prepara a presentare una sua proposta di direttiva contro l’obsolescenza programmata dei dispositivi elettronici, dopo la pausa estiva. Lo ha annunciato il commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton, in conferenza stampa al Parlamento Ue.
Le misure allo studio, ha spiegato il commissario francese, “includeranno l’affidabilità, la facilità di smontaggio, incentivi alla riparazione, l’accesso a pezzi di ricambio critici e l’aumento del riciclo”.

“Stiamo lavorando all’eco-design per prevenire l’obsolescenza programmata di smartphone e tablet. Alcune aziende vorrebbero che cambiassimo il nostro smartphone ogni tre anni, li capiamo, ma non è il punto di vista dei consumatori e nemmeno il nostro, in termini di prendersi cura ora dell’ambiente”, ha sottolineato Breton.

L’annuncio arriva a poche ore di distanza dal raggiungimento dell’accordo politico per l’introduzione di un caricabatterie universale per tutti i telefoni cellulari, tablet e fotocamere digitali.