Generali (foto Ansa)

Generali: Caltagirone ancora senza sostituto. Ok al Comitato investimenti

Condividi

Roberta Neri, indicata dal comitato Nomine, non ha accettato l’incarico. Intanto si risana la frattura sui comitati interni

Nulla di fatto, e tutto rinviato, sulla scelta del sostituto di Francesco Gaetano Caltagirone nel cda di Generali, dopo le dimissioni da consigliere dell’imprenditore romano, comunicate alla fine di maggio.
Roberta Neri – ex amministratore delegato di Enav, prima dei non eletti nella lista sconfitta – proposta dal Comitato Nomine, non ha accettato l’incarico. Di conseguenza, il consiglio ha incaricato lo stesso Comitato nomine di proporre una nuova candidatura.

Chi al posto di Caltagirone

Seguendo l’ordine della lista uscita sconfitta all’ultima assemblea del 29 aprile il posto andrebbe a Claudio Costamagna, che non risultava tuttavia disponibile e, scendendo, a Luciano Cirinà, l’ex manager del gruppo assicurativo licenziato dal Leone, che la lista Caltagirone aveva indicato come ad, non gradito all’attuale ceo Donnet.
I successivi nomi sono nell’ordine quelli di Alberto Cribiore, Andrea Scrosati e dell’ex Mediobanca Stefano Marsaglia.

Via libera al comitato Investimenti

Pace fatta invece sui comitati interni con la costituzione di un comitato investimenti per le operazione di M&A del valore di oltre 250 milioni, votato all’unanimità dal consiglio. Anche da Marina Brogi e Flavio Cattaneo, i due consiglieri eletti dalla lista di Caltagirone, disponibili ora a far parte dei vari comitati endoconsiliari insieme al terzo, ancora da trovare, che prenderà il posto di Caltagirone. Viene così risolta la frattura alla base del passo indietro del primo socio privato del Leone, esplosa nella riunione del consiglio del 12 maggio quando gli eletti nella lista di minoranza avevano scelto di non entrare nei comitati interni in polemica con la mancata costituzione di uno dedicato alle operazione strategiche.

Il board ha dato il via libera alla costituzione del Comitato Investimenti, composto da Antonella Mei-Pochtler (presidente), Alessia Falsarone, Clara Furse, Lorenzo Pellicioli e Clemente Rebecchini. Al comitato viene attribuita la competenza, tra le altre, di istruire operazioni di investimento e disinvestimento di competenza del consiglio nonché operazioni di merger&acquisition e alleanze e partnership industriali, anche attraverso la costituzione di joint-venture, aventi un valore non inferiore a 250 milioni.

Al momento, segnala Generali, La composizione degli altri comitati rimane per ora quella comunicata il 12 maggio in attesa di integrarli con Brogi e Cattaneo.