Per IGT ‘Art is open’ con Epik

Condividi

Una miniserie in quattro ‘monologhi’ dedicati alle opere di Mondrian, Modigliani, Boccioni e Klimt. L’ha prodotta Epik per la multinazionale del settore del gioco regolamentato guidata da Fabio Cairoli

IGT investe sull’arte. Scelta di alto profilo per International Game Technology, multinazionale del settore del gioco regolamentato. L’azienda, che ha affidato a EPIK il compito di valorizzare le attività di promozione del patrimonio artistico italiano che la società intraprende da sempre, ha prodotto sul tema la piattaforma “Open”. Che ora ha cominciato ad ospitare i progetti firmati dalla struttura di cui è ceo Massimo Costa.

EPIK ha pensato ad “Art is Open”, una miniserie che vuole portare l’arte contemporanea all’attenzione del grande pubblico. Protagonisti degli episodi, disponibili online dal 16 giugno, sono i talent Raul Cremona, Ippolita Baldini, Alessandro Betti e Marta Zoboli. 

Quattro monologhi su quattro grandi artisti

Sono loro che hanno scritto e confezionato quattro monologhi girati all’interno del museo, rileggendo il senso di alcuni capolavori di Piet Mondrian, Gustav Klimt, Amedeo Modigliani e Umberto Boccioni esposti alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

Fabio Cairoli

“In questa fase di ripartenza e riapertura abbiamo pensato di dare nuovo impulso all’arte e ai musei ideando un progetto di comunicazione innovativo. Si parla di capolavori senza tempo con un linguaggio moderno, intelligente ed ironico, decisamente coinvolgente, con l’obiettivo di avvicinare ancora di più all’arte”, racconta Fabio Cairoli, ceo Global Lottery IGT.

Fin dalle origini, rapporto col territorio e le comunità

“Il nostro, con l’arte, – continua il manager – è un rapporto che risale alle origini dell’azienda, che si è sempre contraddistinta per il suo impegno con innumerevoli interventi di conservazione e restauro su tutto il territorio nazionale. Restituire bellezza al patrimonio comune e salvaguardarne l’identità per migliorarne la conoscenza, questi rimangono i nostri obiettivi”. Cairoli conclude: “Vogliamo promuovere lo sviluppo delle comunità in cui operiamo, per questo ogni anno investiamo in progetti di sviluppo digitale, inclusione sociale e tutela del patrimonio artistico, culturale e paesaggistico”.

IGT, International Game Technology, è protagonista a livello mondiale nel settore del gioco regolamentato e presente in 100 paesi tra cui l’Italia, dove le società del gruppo sono concessionarie statali delle Lotterie (Gioco del Lotto, Gratta e Vinci e Lotteria Italia).