Google, concessioni su adv respinte: Usa verso inchiesta antitrust

Condividi

Secondo Bloomberg il Dipartimento di Giustizia potrebbe passare alle vie di fatto già nelle prossime settimane

Il Dipartimento di Giustizia americano sembra intenzionato a respingere le concessioni offerte da Google e avviare un’azione legale antitrust contro per la sua posizione dominante sul mercato della pubblicità online.
Lo riporta l’agenzia Bloomberg citando alcune fonti, secondo le quali l’azione potrebbe essere lanciata nelle prossime settimane.

Scorporare le società

Tra le concessioni avanzate da Google c’era quella di far confluire in altre società la divisione che si occupa di adv online, sempre nella holding Alphabet e senza vendere l’assett da cui vengono profitti per 31,7 miliardi di dollari.
“Ci siamo impegnati in modo costruttivo con le autorità di regolamentazione per affrontare le loro preoccupazioni”, ha affermato Peter Schottenfels, un portavoce di Google, ribadendo l’intenzione di non vendere.

Secondo il parere di diversi manager pubblicitari interpellati da Bloomberg una misura come questa non sarebbe abbastanza. Anche se non più controllate da Google le attività pubblicitare sarebbero comunque di pertinenza della sua casa madre.

Mercato affollato

In ogni caso, Google ha più volte contestato la tesi di avere una posizione dominante sul mercato pubblicitario, sostenendo che lo spazio è affollato di grandi competitor come Amazon, Comcast e Facebook.