Antonio Porro

Mondadori. Nel semestre bene i ricavi (+10,8%), risultato netto 2,8 milioni. Stime confermate

Condividi

Mondadori chiude il primo semestre dell’anno con ricavi consolidati a 355,1 milioni di euro, con un incremento del 10,8% rispetto ai 320,4 milioni di euro dell’esercizio precedente; al netto del consolidamento di D Scuola i ricavi del Gruppo hanno registrato una crescita, su base omogenea, pari al 5,7% grazie al contributo di tutte le aree di business ed in particolare delle aree Libri e Retail. Il risultato netto del Gruppo, dopo la quota di pertinenza di terzi, è positivo per 2,8 milioni di euro; a perimetro omogeneo si attesta a 6,7 milioni di euro, in miglioramento di 2,3 milioni di euro rispetto ai 4,4 milioni di euro dei primi sei mesi del 2021. L’Ebitda adjusted è pari a 27,6 milioni di euro; a perimetro omogeneo il dato si attesta a 28,4 milioni di euro, in miglioramento di 6,9 milioni di euro rispetto ai 21,5 milioni di euro al primo semestre dell’anno scorso. I ricavi dell’area Libri si sono attestati a 196 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto ai 168,9 milioni di euro dei primi sei mesi del 2021. I ricavi delle attività del business scolastico sono stati pari a 49,6 milioni di euro, in crescita del 38,5%. Alla luce del positivo trend economico-finanziario registrato nel primo semestre dell’esercizio, il Gruppo ritiene di “poter confermare a livello consolidato, per l’intero 2022, le stime precedentemente comunicate, nonostante l’incerta evoluzione del contesto geopolitico e le perduranti criticità derivanti dall’incremento dei costi sia di approvvigionamento delle materie prime, in particolare la carta, che relativi ai consumi energetici”.

“Nel primo semestre dell’anno abbiamo registrato una performance molto positiva, alla quale hanno contribuito tutte le aree di business, con ricavi in accelerazione in particolare nel secondo trimestre”. Così Antonio Porro, Amministratore delegato del Gruppo Mondadori. “Questi risultati, associati a una sempre attenta gestione operativa, ci hanno consentito – aggiunge – di incrementare la redditività complessiva e la generazione di cassa. Il miglioramento della performance economica, unita al continuo rafforzamento patrimoniale del Gruppo, hanno creato le condizioni per confermare i target dell’esercizio 2022 e proseguire il percorso di riconfigurazione strategica, nonostante l’incerto scenario economico e politico, a livello nazionale e internazionale”.

cs-DEF-Primo-SEMESTRE-2022