Volodymyr Zelensky in video a Venezia (foto Ansa)

Venezia, Zelensky in video: il cinema non resti muto. La sua voce conta

Condividi

La guerra in Ucraina dura da 189 giorni, “non 120 minuti”, dice Zelensky intervenendo in video all’apertura della rassegna.

Con la cerimonia inaugurale e la consegna del Leone d’Oro alla Carriera a Catherine Deneuve, si è aperta la Mostra del Cinema di Venezia numero 79. Ma, più che l’attesa per le pellicole in concorso, come già successo anche a Cannes, a prendere la scena è stata la realtà, con un videomessaggio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

L’orrore che “non dura 120 minuti”

“Cari partecipanti e ospiti della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, apprezzo la possibilità di rivolgermi a voi oggi per raccontare la nostra storia, quella dell’Ucraina, della sua nazione e della guerra che la Russia sta conducendo contro di noi da 189 giorni”, ha esordito Zelensky, nel suo discorso ripreso integralmente da AdnKronos.

“La storia è fuori concorso perché è anche oltre i limiti dell’umanità e del buon senso. È un dramma basato su eventi reali. Quello recitato nella vita reale da subumani in carne e ossa – gli assassini, i macellai, i terroristi. Una tragedia non sulle note del geniale Morricone, ma piuttosto sulle note di brutti ‘chastushka’ e suoni di esplosioni, spari e lamenti di allarme aereo”.

“E’ un orrore che non dura 120 minuti ma 189 giorni. 189 giorni di guerra in Ucraina, di cui l’Europa e il mondo intero si sono stancati. Questo è ciò che dice la Russia. Questo è ciò che la Russia vuole. Questo è ciò che la Russia aspira – ha aggiunto Zelensky – Una trama di bassa lega in tre scene per spingere il mondo a commettere tre drammatici errori: abituarsi alla guerra, riconciliarsi con la guerra, dimenticare la guerra. Il loro progetto non dovrebbe mai trasformarsi in realtà”.

La voce del cinema conta

“La vostra posizione è importante, la vostra voce conta, la vostra parola è forte!”, ha continuato Zelensky rivolgendosi a tutti i rappresentati del cinema radunati a Venezia.
“Il minimo che possiate fare – anzi, che non dobbiate fare – è non rimanere in silenzio, non avere paura, non voltare le spalle, non passare oltre – non rimanere neutrali alla guerra in Ucraina, quella che la Russia ha scatenato”.

“Per alcuni, il potere è solo nei missili e nelle bombe atomiche. Per noi, il potere è nella filosofia, nella mentalità, nei sensi e nelle parole – ha proseguito il presidente ucraino. “Per noi è anche negli armamenti. Vorrei che ogni Paese, ogni nazione, ogni istituzione e comunità del mondo avesse una percezione chiara di ciò che l’Ucraina sta vivendo. Questa guerra dovrebbe essere raccontata nella lingua più chiara possibile. La lingua del cinema è quella che parlate tutti voi”.

I nomi delle giovani vittime

Zelensky ha poi lasciato spazio a un filmato con l’elenco di 358 bambini e ragazzi – dai neonati ai 18enni – che hanno perso la vita fino ad ora in guerra. “Non vedrete le scene sanguinolente di esplosioni, spari, rovine e fumo. Il dolore. Le lacrime. Vedrete ciò che alla maggioranza viene generalmente risparmiato: una parte intrinseca di ogni film che la maggioranza non nota”, ha aggiunto. “I nomi sono importanti; finiscono nell’oblio e nell’oscurità perché nel momento in cui appaiono sullo schermo la maggior parte degli spettatori fa solo due cose: si alza e se ne va. Ma so che la prima mossa è la più importante. La seconda non dovrebbe essere possibile”.

“Ogni volta che sentite qualcuno che racconta la sua stanchezza per l’Ucraina, ricordatevi di queste didascalie. Stancarsi dell’Ucraina significa spazzare via i nomi, dimenticarli”.
“Sono sicuro, ha concluso, che tutto il mondo civilizzato non lo farà mai. Non si arrenderà mai, resterà con l’Ucraina fino alla fine, la fine vittoriosa quando la verità e la giustizia saranno accolte con un applauso. Grazie all’Ucraina”.