Silvia Candiani (Foto Ansa)

Digitale: nel 2026 in Italia mancheranno 2 milioni di lavoratori

Condividi

Nel 2026 in Italia “mancheranno 2,1 milioni di lavoratori con le competenze digitali necessari”, ulteriore dimostrazione di come al paese serva una politica industriale specifica per il digitale. A lanciare l’allarme è l’a.d. di Microsoft Italia, Silvia Candiani, dal Forum Ambrosetti.

Comparto sottodimensionato

Il comparto Ict italiano, evidenzia lo studio realizzato in collaborazione con The European House – Ambrosetti, risulta sottodimensionato rispetto ai competitor europei: non tanto nel numero di aziende, dove il Paese è quarto in Europa, ma è soprattutto nel dimensionamento medio delle aziende che l’Italia stenta, in nona posizione in UE.
“Se, infatti, le aziende Ict italiane avessero un fatturato medio pari a quello delle aziende tedesche, l’Italia generebbe 249 miliardi di euro di Pil in più, pari al 14% del prodotto interno lordo del 2021”.

Problemi di integrazione

Ma non è solo l’industria del digitale ad essere debole: anche l’integrazione delle tecnologie digitali negli altri comparti è uno degli ambiti di miglioramento del Paese, specie tra le aziende di piccole dimensioni, in cui il 44% mostra una totale assenza di utilizzo di tecnologie digitali.

Questo nonostante il digitale sia il più potente acceleratore di innovazione: le aziende evidenziano infatti come il principale impatto del digitale sia quello di favorire innovazione di prodotto o di processo (73% dei rispondenti) e ricerca e sviluppo (67%).