Michele Anzaldi (Foto LaPresse)

Anzaldi (Iv): Vigilanza convochi i consiglieri Rai su confronto tv

Condividi

“Alla luce dell’inaccettabile risposta della Rai, che ha negato alla Vigilanza l’accesso alla lettera inviata da 5 consiglieri alla presidente e all’amministratore delegato sul mancato confronto tv tra i leader, ribadisco quanto ho già richiesto lo scorso 30 agosto: la commissione convochi subito tutto il Cda per fare piena luce e trasparenza su questa vicenda”. È quanto scrive il deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi, in una lettera inviata al presidente della commissione, Alberto Barachini, pubblicata sulla sua pagina Facebook.


“Purtroppo la Rai in questi anni – prosegue Anzaldi nella lettera – ha dimostrato di non tenere in alcuna considerazione la leale collaborazione istituzionale con la commissione parlamentare chiamata alla vigilanza sul servizio pubblico, lo abbiamo già visto con le risoluzioni inapplicate, le richieste ignorate come sui conflitti di interessi degli agenti, le risposte omertose e lacunose alle interrogazioni. Addirittura in questo caso, in una situazione delicata come la campagna elettorale, è stato negato un documento ufficiale su una materia di stretta competenza della commissione come la tutela del pluralismo in vista del voto. Già nella riunione convocata per il 5 settembre per il sorteggio nelle tribune elettorali la commissione valuti l’immediata convocazione dei consiglieri, visto che il tempo rimasto per organizzare il confronto è sempre di meno. Come ha ribadito anche la commissaria Agcom Giomi in un’intervista al ‘Corriere della sera’ le tv, e in particolare il servizio pubblico, sono pienamente legittimate, e anzi sollecitate, a organizzare il confronto tra i leader, chi ritiene di non partecipare può farlo senza per questo impedire che si confrontino gli altri”.