Flemming Moller Mortensen (foto Ansa)

Clima, la Danimarca stanzia 13 milioni per i danni a Paesi poveri

Condividi

Primo paese Onu a creare un fondo per risarcire i “loss and damage”

La Danimarca è il primo paese dell’Onu a stanziare fondi per ristorare le perdite e i danni causati dal riscaldamento globale nei paesi più poveri. Il governo di Copenhagen ha deciso un finanziamento di 13 milioni di dollari.

L’istituzione di un fondo per risarcire i “loss and damage” del cambiamento climatico è una delle richieste che i paesi emergenti e quelli meno sviluppati intendono sostenere alla prossima conferenza dell’Onu sul clima, la Cop27di Sharm el-Sheikh il prossimo novembre. L’annuncio è stato fatto durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York del 20 settembre.

La decisione, ha spiegato il ministro danese per lo Sviluppo, Flemming Moller Mortensen, è maturata dopo una visita in Bangladesh, colpito da diverse inondazioni nei mesi scorsi. “È gravemente ingiusto che i più poveri del mondo debbano soffrire di più per le conseguenze del della crisi climatica, a cui hanno contribuito meno” in termini di emissioni, ha dichiarato.

Prima di Copenaghen, avevano stanziato fondi per le perdite e i danni nei Paesi poveri solo la Scozia e la regione belga della Vallonia, che non fanno formalmente parte dell’Onu.