Mirja Cartia d’Asero

Il Gruppo 24 Ore rientra nel business della formazione

Condividi

Raggiunti i termini degli impegni di non concorrenza, a suo tempo assunti con la cessione del Ramo Formazione a Education Acquisition Limited (società interamente controllata dal fondo Palamon), il Gruppo 24 Ore rientra nel business dell’education, con il marchio Sole 24 Ore Formazione.

L’editrice milanese controllata da Confindustria ritorna, quindi, a essere protagonista in un settore indubbiamente sinergico con tutte le altre attività del gruppo.

“Fin dal 1994 Il Sole 24 Ore ha messo a disposizione le competenze e le eccellenze dei propri esperti e giornalisti per la crescita di manager, rappresentanti della PA, professionisti”, ha commentato Mirja Cartia d’Asero, amministratrice delegata di Il Sole 24 Ore Spa. “Ora il Gruppo 24 Ore ritorna da protagonista nel mercato dell’education con ‘Sole 24 Ore Formazione’, forte di un’affidabilità ampiamente riconosciuta dal mercato, coniugata con la visione innovativa di una media company leader nell’informazione economico-finanziaria e normativa. La nostra strategia formativa mira a trasferire le nostre conoscenze a chi sceglierà di affidare la propria crescita professionale al Sole 24 Ore, contribuendo allo sviluppo delle persone e quindi del Paese”.

La cessione

Una prima cessione del 49% del ramo d’azienda per un corrispettivo complessivo di 38,4 milioni di euro era avvenuta nel 2017 con il contemporaneo riacquista del ramo eventi. L’operazione era stata decisa dal Cda per far fronte alle difficoltà del gruppo, all’interno di una manovra patrimoniale e finanziaria varata dall’ad Franco Moscetti.Nell’agosto 2019, dopo un’ulteriore acquisizione del 2% del capitale per 1,6 milioni, Palamon, con il passaggio del restante 49% per 21,5 milioni, assunse definitivamente il controllo dell’asset.