Google ridisegna il suo motore di ricerca in chiave ‘visual first’

Condividi

Nei risultati, spiega Big G più spazio alle immagini e ai contenuti socia

Novità in arrivo per Google. All’evento Search On 2022, Big G ha annunciato una serie di cambiamenti che coinvolgono le ricerche fatte attraverso il suo motore. Entro la fine dell’anno, i risultati mostreranno un numero maggiore di foto e video a dispetto dei link testuali, che rimarranno comunque la parte centrale del servizio del colosso americano.
Con un’attenzione maggiore per l’utilizzo via smartphone.

Google li definisce “risultati visual-first”. L’idea è di aggregare in un solo posto un insieme di dati che consentano agli utenti di stimolare ulteriori approfondimenti e nuove ricerche.
Alla ricerca di un luogo, ad esempio, si potrebbe vedere una piccola mappa che mostra la posizione, le indicazioni stradali per arrivarci, il meteo e brevi video. Informazioni che non vengono presentate come un elenco di collegamenti ma quali schede colorate, intervallate da più contenuti multimediali e immagini. In alcuni casi, i risultati evidenzieranno i contenuti di YouTube, Instagram e TikTok.

Le modifiche traggono ispirazione dal modo in cui i più giovani usano internet, preferendo contenuti facilmente accessibili e visivi, anche quando iniziano a fare domande.

Scorciatoie tra le funzioni e novità su Maps

Un’altra novità introduce collegamenti ad alcuni strumenti di Google direttamente nella schermata iniziale dell’app sullo smartphone, sotto la casella di ricerca.
Agli utenti verranno presentati pulsanti che consentono di eseguire azioni rapide, come la traduzione di testo o l’individuazione di prodotti su e-commerce tramite la fotocamera e l’identificazione della musica. Scorciatoie che non rimandano necessariamente a nuove funzionalità, ma a servizi di Google meno conosciuti.

Modifiche in arrivo anche per Maps. Oltre al miglioramento della mappatura in 3D delle città, partendo dalle metropoli come New York e Tokyo, il grosso si concentra sull’aggiunta di più informazioni in tempo reale, anche quando si usa la mappa in tre dimensioni, all’interno di Street View.