Corriere della Sera: botta e riposta tra Cdr ed editore

Condividi

La fusione delle Edizioni Locali in Rcs MediaGroup e non solo, agitano i rapporti tra Urbano Cairo e i giornalisit. Che affidano al Cdr un pacchetto di 5 giorni di sciopero

Botta e risposta a colpi di comunicati, sabato primo ottobre, sulle pagine del Corriere della Sera tra il Cdr e l’editore Urbano Cairo. I giornalisti sono tornati a chiedere chiarimenti sulla fusione annunciata tra Rcs Mediagroup e le Edizioni locali e parlano di un “progressivo deterioramento”delle relazioni sindacali con l’editore. Da qui la decisione di affidare al Cdr un pacchetto di 5 giorni di sciopero.
Tra le critiche mosse anche la mancanza di un confronto “sui temi della tutela dei posti e dell’organizzazione e della qualità del lavoro”.

Ecco i comunicati:

I giornalisti del Corriere della Sera, di fronte al progressivo deterioramento delle relazioni sindacali con l’Editore, sono in stato di agitazione e hanno affidato al Cdr un pacchetto di 5 giorni di sciopero.
L’azienda qualche giorno fa ha annunciato una fusione tra Rcs Mediagroup spa e Rcs Edizioni locali (che edita i dorsi di Veneto, Trentino-Alto Adige, Mezzogiorno, Bologna e Firenze) senza fornirne i dettagli, nonostante il Comitato di redazione abbia chiesto un chiaro e trasparente confronto.

L’unica spiegazione è stata quella di un ‘semplice’ efficientamento economico. Se così fosse non sarebbe in gioco né un rilancio del Corriere della Sera né delle sue edizioni locali, come invece chiesto dalla redazione. Il dubbio è che si tratti soltanto di una leva utile per chiedere nuovi esuberi alla prima occasione o, in prospettiva, per un blocco del turnover e una mobilità forzata tra le sedi periferiche e quella centrale.

L’Editore Urbano Cairo, inoltre, ha chiuso all’improvviso e unilateralmente il tavolo di confronto su un’organizzazione del lavoro più flessibile, anche in questo caso senza alcuna spiegazione se non lo sterile richiamo a un modello organizzativo pre-pandemico. In questi oltre due anni di emergenza proprio questa organizzazione del lavoro ha permesso al Corriere di continuare a essere il primo quotidiano italiano, superando uno stato di crisi con prepensionamenti e uscite a vario titolo e permettendo alla proprietà di abbassare l’esposizione finanziaria con le banche e distribuire dividendi.

Dagli ultimi dati di bilancio e dalle informative alla comunità finanziaria emerge il buono stato di salute del giornale. Al 30 giugno 2022 il Corriere è il primo quotidiano italiano in edicola con una customer base digitale totale attiva di 436 mila abbonamenti. Aumentano i ricavi consolidati (+5,7%) e cala l’indebitamento finanziario netto. Tanto che il nostro editore Urbano Cairo parla di «eccellenti risultati economici a conferma della solidità del Gruppo». Risultati resi possibili anche grazie allo sforzo di tutti i giornalisti del Corriere ai quali, oggi, l’Editore decide di chiudere la porta in faccia sui temi che stanno loro più a cuore: la tutela dei posti e della qualità del lavoro e, di conseguenza, quella del nostro Corriere della Sera. A dispetto dei fattori positivi che ogni giorno raccontiamo sul giornale (secondo gli ultimi studi nel 66% dei casi il lavoro agile fa crescere la produttività), si vorrebbe tornare a un modello meno funzionale che avrebbe pesanti ripercussioni sui contenuti del Corriere.

La redazione ritiene anche che, secondo il contratto, l’organizzazione del lavoro non spetti all’Editore e ha deciso che i giornalisti si atterranno all’applicazione letterale del contratto sia in termini di orario sia in termini di compiti.

Il Cdr vigilerà con sempre maggior attenzione anche sul rapporto con il marketing e la pubblicità, strumenti vitali per la crescita del giornale, purché non ci siano invasioni di campo che rischiano progressivamente di portare il Corriere a diventare un brand da cannibalizzare a scapito dei contenuti di qualità.

La replica del’editore, Urbano Cairo

L’Editore conferma che la fusione per incorporazione di RCS Edizioni Locali in RCS MediaGroup è finalizzata allo sviluppo dell’informazione locale con particolare attenzione ai contenuti digitali e alla semplificazione della struttura societaria e amministrativa del Gruppo.

L’esposizione finanziaria è stata azzerata con una gestione aziendale attenta al contenimento dei costi, mantenendo i posti di lavoro, e allo sviluppo dei ricavi ben prima che arrivassero la pandemia e lo smart working.
Il miglioramento della situazione patrimoniale ha anche consentito all’Azienda il riacquisto del palazzo storico di via Solferino.

I contenuti indipendenti, autorevoli e di qualità del Corriere della Sera sono il risultato di una tradizione di lavoro in presenza che valorizza il confronto, il dibattito e lo scambio di opinioni tra giornalisti.

In quest’ottica l’Azienda in tutte le sue componenti ritiene funzionale e utile la continuità di questo modello lavorativo.