Tim punta su giovani, donne e meritocrazia per creare nuovi manager

Condividi

“Abbiamo la responsabilità di far crescere i giovani e creare nuovi manager, in Tim siamo nel pieno di un ricambio generazionale, vogliamo assumere giovani che devono crescere in base al merito. Tim sta puntando con forza sull’equità fra i generi “perché solo offrendo le stesse opportunità ci può essere una vera meritocrazia. E le aziende hanno bisogno di questo”.

Lo ha detto – ripreso da Adnkronos – Elisabetta Romano, Chief Network Operations Wholesale Officer di Tim e ad di Sparkle, nel corso dell’evento AsVis “L’Italia e gli obiettivi di sviluppo sostenibile”.

“Per raggiungere questo obiettivo abbiamo deciso che, entro il 2024, la percentuale di donne in posizioni di responsabilità dovrà rispecchiare la percentuale femminile all’interno del Gruppo: stiamo agendo di conseguenza”, ha detto la manager. “Stiamo affrontando il problema supportando i nostri dipendenti nella gestione della loro vita familiare mettendo a disposizione centri estivi per bambini e ragazzi, il rimborso delle spese per il nido, la materna e il baby sitting”.