Crescono i nuovi abbonati, Netflix interrompe trend negativo

Condividi

Le azioni di Netflix – che in Italia ha appena lanciato l’abbonamento anche con pubblicità – sono balzate di oltre il 15% dopo che il colosso dello streaming video online ha comunicato i risultati del terzo trimestre, con un utile che ha battuto le previsioni. La società ha aggiunto oltre 2 milioni di abbonati, invertendo la tendenza rispetto ai due cali trimestrali consecutivi del 2022, grazie al successo di serie come “Stranger Things” e “Dahmer: Monster”.

Netflix – riporta Adnkronos – ha guadagnato 2,41 milioni di abbonati a livello globale nel trimestre, un risultato migliore rispetto al milione stimato dalla società. Nei due trimestri precedenti la società aveva registrato un calo di 970.000 e 200.000 unità. L’azienda ha chiuso il trimestre con oltre 223 milioni di abbonati. Nel corso del trimestre la società ha aggiunto circa 100.000 clienti negli Stati Uniti e in Canada, 570.000 in Europa, Medio Oriente e Africa, 310.000 in America Latina e 1,43 milioni nella regione Asia-Pacifico.

In prospettiva, l’azienda prevede di aggiungere 4,5 milioni di abbonati nel quarto trimestre del 2022. “Dopo un primo semestre difficile, crediamo di essere sulla strada giusta per riprendere la crescita. La chiave è la soddisfazione dei soci. È per questo che ci siamo sempre concentrati sul vincere la competizione per le visualizzazioni di ogni giorno”, ha dichiarato la società in un comunicato.

L’utile del terzo trimestre di Netflix, con sede a Los Gatos, California, è sceso a 1,398 miliardi di dollari, ovvero 3,1 dollari per azione, rispetto agli 1,449 miliardi di dollari, ovvero 3,19 dollari per azione dell’anno scorso. I ricavi di Netflix per il trimestre sono aumentati del 5,9% a 7,926 miliardi di dollari rispetto ai 7,483 miliardi dell’anno scorso.

La crescita dei ricavi è stata trainata da un aumento del 5% degli abbonamenti medi allo streaming a pagamento e da una crescita dell’1% dei ricavi medi per abbonamento. Per il quarto trimestre, Netflix prevede un fatturato di 7,776 miliardi di dollari e un utile di 0,36 dollari per azione.