I ‘files’ di Berlusconi favoriscono Mentana e Gruber (e Cairo)

Condividi

Un benefico ‘effetto Berlusconi’ sugli ascolti dei programmi de La7. Le destabilizzanti (per il governo di centro destra in via di costruzione) dichiarazioni del capo di Forza Italia sul suo rapporto con Vladimir Putin e il conflitto tra russi e ucraini, raccolte da LaPresse sono state tra i contenuti vincenti dell’offerta del programma pomeridiano del giornalista maratoneta. Ed hanno generato un picco…

Silvio Berlusconi spinge La7 e aiuta il suo ex direttore Enrico Mentana. Seconda giornata consecutiva di successi Auditel per La7, che può cavalcare meglio della concorrente più diretta sul racconto politico, ovverosia Rete4, le vicende legate alle registrazioni ‘segrete’ di Berlusconi, rese pubbliche in più tranche da LaPresse e trasmesse puntualmente dalla tv di Urbano Cairo. Quasi in assenza (o per lo meno in latenza) di risposte televisive ugualmente combattive.

La telefonata

Come down dalla Panella, picco prima delle 18.00

Ieri (ma anche l’altro ieri era successa più o meno la stessa cosa) è andato molto bene il ‘Diario Politico’ del pomeriggio, in onda tra le 17.00 e le 20.00. Quintuplicato, stavolta, l’ascolto (610mila spettatori e 5,3%) prima reso nella fascia dal ‘povero’ “Lingo” di Caterina Balivo. Ingredienti fondamentali, oltre al solito Dario Fabbri a Tommaso Labate e Franco Bechis, nonché Agnese Pini, e poi ovviamente Paolo Celata e Alessandra Sardoni, anche altre due cose essenziali: il nuovo ‘file’ su Putin e l’Ucraina, trasmesso alle 17.30 in punto, ma poi anche la telefonata del capo di Forza Italia, arrivata poco dopo, per spiegare il contesto in cui aveva parlato. Così tra le 17.30 e le 18.00, il programma ha sfiorato l’8%.

La7 però si era giocato anche un effetto ‘come down’ sulle dichiarazioni, annunciandole già su ‘Tagadà’, con Tiziana Panella ieri al 5,8% al primo pomeriggio. E dulcis in fundo, dopo il TGLa7 delle 20.00 a 1,6 milioni e 8,13% di share, Lilli Gruber ha superato quota 2 milioni con “Otto e Mezzo” (Beppe Severgnini, Lucio Caracciolo, Sarina Biraghi e Alessandro De Angelis gli ospiti), raggiungendo il 9,61% di share e praticamente doppiando la cauta concorrenza di Barbara Palombelli (a 1,1 milioni e 5,6% con ‘Stasera Italia’).

Il cast di Barbara Palombelli ieri
Gli ospiti della Gruber ieri

Bene anche Damilano e Vespa

Non ha fatto meglio del resto ‘Tg2 Post’, a 803mila spettatori e 3,8%, mentre si sono un po’ eccitate, sul caso, le prestazioni di Marco Damilano su Rai3 (‘Il cavallo e la torre’ a 1,5 milioni ed il 7,2%).

Porta a Porta ieri

Un buon bilancio, ma era trainato dalla replica di Montalbano, l’ha fatto anche Bruno Vespa, con Giorgio Mulè, fresco vicepresidente della Camera e impegnato un po’ disperatamente a ‘Porta a Porta’ (13,85%) a dimostrare che Berlusconi non pensava realmente (o proprio del tutto) quello che aveva detto. E che comunque Forza Italia aveva agito e avrebbe agito in precisa coerenza ‘atlantica’.