Sabato, domenica e lunedì. Spettacoli, musica. E scacchi

Condividi

Si riaprono i sipari teatrali. Di scena i classici con Eduardo e nuove commedie, con Monti & Massironi. La musica suona per tutte le età, con i bambini spettatori del ‘Piccolo principe’, e per tutti i gusti, anche quelli tecnologici. Un grande omaggio alla letteratura, ricordando Sciascia e Pasolini. E un incontro speciale con la ‘regina degli scacchi’.

Nicola Di Pinto, Carolina Rosi, Antonio D’Avino

La pazzia di Eduardo

Carolina Rosi da tempo, dopo la morte del marito Luca, porta avanti con la compagnia Elledieffe l’eredità De Filippo. Al Piccolo Teatro di Milano propone fino al 30/10 ‘Ditegli sempre di sì’, commedia in due atti scritta da Eduardo nel 1927. Il protagonista Michele Murri (interpretato da Tony Laudadio) è appena uscito dal manicomio, e la sua pacifica follia mette a soqquadro famiglia (Carolina veste i panni della sorella) e amici. Regia di Roberto Andò.

Aleksandrina Mihaylova, Fan Zhou

Piccoli grandi spettatori

L’immortale libro di Antoine de Saint-Exupéry diventa opera per bambini. La Scala ne ha commissionato le musiche a Pierangelo Valtinoni, su libretto di Paolo Madron. ‘Il piccolo principe’, accompagnato dal coro di voci bianche diretto da Bruno Cason, è in scena sabato e con altre repliche che proseguiranno fino a marzo. Firma la regia Polly Graham, che coinvolge i baby spettatori nella rappresentazione. L’opera fa parte del progetto ‘Grandi Spettacoli per Piccoli, realizzato con il sostegno di Fondazione Banca del Monte di Lombardia e Italmobiliare.

Pier Paolo Pasolini, Leonardo Sciascia

Cent’anni di letteratura

Nel 2021 sono stati i 100 anni dalla nascita di Leonardo Sciascia, nel 2022 ricorre il secolo di Pier Paolo Pasolini. Per ricordarli, e al tempo stesso per allargare lo sguardo ad autori loro contemporanei, a Racalmuto (dove Sciascia nacque) sabato e domenica si tiene una serie di incontri battezzata ‘Cent’anni di solitudine: la generazione (1921-’25) di Sciascia e Pasolini’. Si parlerà dell’amicizia fra i due scrittori, ma anche dei rapporti con Calvino, del cinema di Francesco Rosi, dell’eredità di Franco Basaglia… Sabato viene inoltre inaugurata – nella Fondazione Sciascia, sempre a Racalmuto – la mostra ‘Sciascia e Pasolini tra i documenti in archivio’, con articoli degli autori, lettere scritte e ricevute, dattiloscritti delle opere.

Marina Massironi

Il marito: chi l’ha visto?

L’autore è Edoardo Erba. La protagoniste sono Maria Amelia Monti, che del drammaturgo e regista è anche la moglie, e Marina Massironi. Le due attrici, entrambe di ottimo talento comico anche se non avevano mai lavorato insieme, sono al Teatro Manzoni di Milano fino al 30/11. Interpretano ‘Il marito invisibile’: ognuna a casa propria davanti a un computer, avviano un lungo dialogo zoom con alle spalle gli schermi che le riprendono. Tema del confronto delle amiche è l’invisibilità (letterale) del genere maschile.

Kolja Blacher

Un’ora sola ti ascolterei

I ‘Concerti ristretti’ che propone l’Orchestra sinfonica di Milano prendono il via domenica pomeriggio all’Auditorium. Si tratta di appuntamenti lunghi una sola ora, così da avvicinare alla musica sinfonica anche un pubblico refrattario a concerti più impegnativi. Per il debutto, sono stati scelti Richard Strauss e Mozart. Dirige il maestro Kolja Blacher, che in passato è stato anche Konzertmeister dei Berliner Philharmoniker diretti da Claudio Abbado.

Musica al museo

Si inaugura domenica al Museo della scienza e della tecnologia di Milano ‘Cave of sounds’. Si tratta di una installazione di Tim Murray-Browne & Music Hackspace ensemble. L’idea è esplorare quanto la musica – grazie anche a tutte le potenzialità tecnologiche – sia in grado di connettere le persone. L’obiettivo del museo, dice il direttore Fiorenzo Galli, è creare un legame fra arte e tecnologia. ‘Cave of sounds’ lo fa con 8 strumenti elettronici, che possono funzionare individualmente o in sinergia dando vita a un ensemble. E per suonarli non serve conoscere la musica.

La regina degli scacchi

Fino a domenica a Saluzzo (Cn) si svolge la seconda edizione della Festa del libro medievale e antico. La manifestazione è dedicata quest’anno alle donne nel Medioevo. Incontri con studiose e libri antichi, ma anche spettacoli di saltimbanchi, giocolieri, ‘tripudiantes’. E ospiti come (domenica) Marina Brunello, gran maestro femminile di scacchi, oltre che oro olimpico.

Aldo Cazzullo, Moni Ovadia

M. e ancora M.

Sono da poco finite al Piccolo le repliche di ‘M Il figlio del secolo’ di Massimo Popolizio. Antonio Scurati ha appena pubblicato ‘M. Gli ultimi giorni dell’Europa’, ultimo capitolo della trilogia mussoliniana. La figura del duce continua a essere indagata con grande attenzione. Lo fa lunedì, al Carcano di Milano, anche Moni Ovadia, impegnato nella lettura di testi di Mussolini e delle sue vittime. Con l’attore, interagisce il giornalista Aldo Cazzullo, autore di ‘Mussolini. Il capobanda’ e qui in veste di narratore.