Massimo Caputi, newsroom director di DMTC Sport

Condividi

DMTC Sport, agenzia di comunicazione e public relations specializzata nel settore sportivo, ha nominato Massimo Caputi in qualità di newsroom director a partire dal 2 novembre 2022. Il suo coinvolgimento, spiega un comunicato stampa, offrirà ai clienti un approccio sempre più integrato nella valorizzazione degli investimenti nello sport, sia sugli eventi che nell’assistenza ai contratti di endorsement agli atleti assistiti di DMTC Sport, di cui Massimo Caputi è uno dei fondatori.

Giornalista professionista con 40 anni di esperienza editoriale nel mondo dello sport, Massimo Caputi ha iniziato la sua carriera nel 1984 collaborando per le emittenti locali romane Teleregione, GBR e Teletevere. Nell’agosto del 2001 ha lasciato Telemontecarlo per trasferirsi in Rai nella trasmissione “Quelli che… il calcio”, dove resta fino al 2014 ereditando il ruolo di commentatore da Carlo Sassi. Dopo l’uscita dalla redazione sportiva del quotidiano romano Il Messaggero, il 1 aprile 2021 è stato scelto come consulente per la comunicazione dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo Sport, Valentina Vezzali.

“Il mio obiettivo sarà creare un coordinamento fra servizi come le Video News Release e prodotti come i Podcast, i primi più informativi, i secondi più comunicativi. Da giornalista, tengo sempre nella giusta considerazione le differenze fra informazione e comunicazione, e DMTC Sport spesso offre soluzioni earned media”, ha dichiarato Massimo Caputi. “Un occhio di riguardo sarà riservato agli Esports, per i quali è allo studio un mio coinvolgimento su un’importante piattaforma editoriale che nascerà del 2023, e alla Radio, il mio primo grande amore. Il valore aggiunto sarà sempre la relazione con gli atleti, che ci ispirano, e il vantaggio competitivo che abbiamo in Italia è l’esperienza dell’amministratore delegato Marco Del Checcolo – anch’egli giornalista – che ha maturato dal 2006 quale media manager di supporto al personal branding di Federica Pellegrini”.