pc (Photo by Sergey Zolkin on Unsplash)

Continua il trend negativo dell’adv digitale. Fcp: pesano diversi fattori

Condividi

Secondo i dati Fcp-Assointernet, settembre registra un calo del 9,7%, poirtando il progressivo 2022 a -3,8%

Anche dopo la partentesi estiva continua il trend negativo per la pubblicità digitale. Secondo i dati dell’Osservatorio Fcp-Assointernet, rilevati dalla società Reply, l’adv digital ha registrato nei primi nove mesi dell’anno un -3,8%, con il singolo mese di settembre che si attesta al – 9,7%.
Le analisi in termini di device, relative al periodo gennaio-settembre 2022, confermano il decremento del comparto ‘Desktop/Tablet’ (-5,6%) e la sostanziale tenuta degli smartphone (-1,0%). Relativamente alla fruizione dei contenuti pubblicitari si mantiene stabile la modalità ‘App’ (-0,8%), rispetto alla fruizione in modalità ‘Browsing’ che evidenzia un lieve decremento (-4,1%).

Dati-Osservatorio-FCP-Assointernet-Settembre-2022

Nei primi nove mesi dell’anno si registra il buon andamento di numerosi Settori merceologici. Si confermano in territorio positivo i comparti Abbigliamento, Abitazione, Finanza/Assicurazioni, Oggetti personali, Turismo/viaggi e del Tempo Libero.

Galantis: “atteggiamento attendista” per il voto

“Come abbiamo già avuto modo di evidenziare nel corso dei mesi estivi l’andamento dei fatturati pubblicitari ha conosciuto nel 2022 un trend non lineare e condizionato dai noti e molteplici fattori”, ha affermatop Giorgio Galantis presidente Fcp-Assointernet.
Sul mese di settembre si è aggiunta sicuramente l’evidenza del periodo pre-elettorale nel nostro Paese che, come spesso accade, si traduce in un atteggiamento “attendista” da parte delle aziende investitrici.
Va comunque sottolineato che nel periodo gennaio-settembre 2022, prosegue Galantis, l’andamento dei fatturati è comunque in crescita del +10,6 % rispetto a quello relativo al periodo omologo del 2019 e questo costituisce sicuramente un elemento di grande rilevanza”.